L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Sandro Grossi è il mister azzurro «Cassino, torniamo a sognare» Sandro Grossi è il mister azzurro «Cassino, torniamo a sognare»

Sandro Grossi è il mister azzurro «Cassino, torniamo a sognare»

CASSINO - L’ultima volta, l’istantanea era sfocata dal dispiacere e dalla consapevolezza che tutto sarebbe finito. Fece passi lenti uscendo dal catino del “Gino Salveti”. Testa bassa e sogni infranti. Cassino-Andria era appena terminata e con essa, forse a prescindere dal risultato negativo all’inglese, l’avventura di Sandro Grossi sulla panchina azzurra. A decretare lo stop e un esonero mai digerito perché considerato ingiusto, la presidenza Murolo che lo ha sempre ritenuto, anche caratterialmente, troppo vicino all’incomodo Tedesco e inadeguato agli standard professionistici che sarebbero stati inculcati nell’anno e mezzo a seguire, forieri di risultati sportivi non proprio edificanti se comparati alle spese sostenute, prima che la stessa società condannasse il Cassino a morte prematura in Lega Pro che mai sarà perdonata. Dopo aver trovato asilo calcistico nella sua seconda casa, Isola Liri, dove ha conquistato altri importanti traguardi professionali senza fallire mai e riuscendo perfino a purgare il Cassino di Pellegrino da timoniere biancorosso, Alessandro Grossi ha ricevuto il suo regalo. Quello più atteso, la corsa inconfessabile da percorrere, come nel 2004, tutta d’un fiato, senza chiedersi quanto sia pericoloso. “Sandrone” è tornato, conquistato dal progetto esposto dal presidente Nicandro Rossi. Sarà l’allenatore dell’ambizioso Cassino nella stagione 2014/2015. E, manco a dirlo, «la squadra la faccio io», tanto per ribadire la sua indole accentratrice spesso per necessità, come avvenuto negli anni dell’indimenticabile presidente Ciro Corcione, ma anche per spiccata vocazione. Grossi è un personaggio che divide per atteggiamenti ma che allo stesso tempo unisce per i sogni e la carica che riesce a trasmettere ad una intera tifoseria. Prendere lui, significa puntare a vincere senza mezzi termini, soprattutto se le analogie con la memorabile cavalcata che portò il Cassino dall’Eccellenza al professionismo sono tante, come le possibilità di bissarla, e i dubbi al riguardo davvero pochi. Per intuirne le intenzioni, sono bastate quattro parole. «Puntiamo a tornare grandi». E la contabilità lo conferma, elevando Sandro Grossi a “Special One” azzurro. Sono 173 le panchine assolute nelle cinque stagioni alla guida del Cassino, corredate da una percentuale del 50% di gare vinte, 73 solo in campionato sulle 147 disputate. Numeri che fanno di Sandrone una forza della natura, un prodigio della panca anche con una squadre di seconda fila ed un bricolage di esordienti e di calciatori altrove rifiutati, un lusso per una categoria come l’Eccellenza, archiviata nel 2005 con 80 punti nel carniere, frutto di 24 vittorie, 8 pareggi e la miseria di sole 2 sconfitte. «La chiamata del presidente Rossi - ci confessa Sandro Grossi - è la realizzazione di un sogno a lungo coltivato ed inseguito. Poter tornare ad allenare la squadra della mia città, sentire nuovamente il calore del mio pubblico, assaporare il clima effervescente del Salveti, è una gioia immensa per chi, come me, intende fermamente replicare i grandissimi risultati ottenuti in quei cinque anni memorabili. Non nascondo la mia emozione per un incarico che mi riempie di orgoglio e al tempo stesso di responsabilità. Sono perfettamente consapevole delle enormi aspettative e speranze riposte dalla piazza sul mio lavoro. Cercherò di non deludere nessuno e confermarmi un allenatore vincente. L’attuale società mi ha esposto un grande progetto: il presidente vuole riportare il Cassino in categorie consone al suo blasone. Si sono ricreate, a distanza di anni, le perfette condizioni per tentare una nuova scalata. Per questo ho deciso di interrompere il mio rapporto con l’Isola Liri, dove ho trascorso sette anni bellissimi e ricchi di successi. Ringrazio di cuore tutte le persone che mi sono state vicine all’ombra della Cascata, ma ora inizia una nuova avvincente avventura nella mia città. Non potremo scherzare: occorre allestire una rosa competitiva. A tal fine proseguono gli incontri con i calciatori che hanno fatto parte della rosa 2013/14 del Cassino. Fra qualche giorno tireremo le somme stilando l’elenco definitivo dei confermati, partendo dal presupposto che arriveranno diversi calciatori di categoria superiore». Certifica gli arrivi imminenti di Della Pietra, Berardi, Terra, Caira. «Fanno tutti al caso nostro», e rilancia la promessa. «Sono pronto ad affrontare questa ennesima sfida, questa occasione irripetibile dando il meglio di me per regalare gioie ai tifosi». Il sogno si è realizzato, l’era del Sandro Grossi bis è appena iniziata. E’ il secondo tempo di una partita ancora tutta da giocare.
 
 
 
IL PRESIDENTE ROSSI: «IDEALE PER IL NOSTRO PROGETTO»
Lo ha cercato, inseguito, corteggiato e voluto fermamente alla guida del suo Cassino. Il presidente Nicandro Rossi annuncia l’ufficialità della notizia ormai nota da giorni. «Sandro Grossi sarà il nostro allenatore per la stagione 2014/2015. Con lui ho condiviso una positiva esperienza tanti anni fa, a lui mi lega un rapporto di reciproca stima ed amicizia. E’ bastato davvero poco per trovare l’accordo stipulato su base pluriennale. Punteremo ad essere subito protagonisti in Eccellenza ed a regalare un’altra stagione ricca di soddisfazioni ai nostri tifosi. Grossi è il tecnico giusto, il suo è l’identikit del mister ideale a cui affidare una compagine ambiziosa come quella che ci apprestiamo a costruire. Conosce l’ambiente alla perfezione, ha grandi doti sia tecniche che umane, un entusiasmo straordinario, caratteristiche essenziali per aprire un ciclo vincente».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604