Roccasecca, accordo sulla mobilità volontaria per 25 allo stabilimento Ideal Standard

Roccasecca, accordo sulla mobilità volontaria per 25 allo stabilimento Ideal Standard

ROCCASECCA . «Abbiamo sottoscritto l’accordo sulla procedura di mobilità per i lavoratori Ideal Standard degli stabilimenti di Roccasecca, in provincia di Frosinone, Trichiana, in provincia di Belluno, e Bassano Bresciano, in provincia di Brescia»: lo hanno reso noto ieri sera Enzo Valente, della segreteria nazionale dell’Ugl Chimici, e Gerardo Gatta, della segreteria provinciale dell’Ugl Chimici Frosinone, al termine dell’incontro che si è tenuto ieri a Roma presso la sede Andil - Associazione nazionale produttori di laterizio, aderente a Confindustria
I due sindacalisti hanno evidenziato che «si tratta di un’intesa necessaria a gettare le basi alla discussione del piano industriale, consentendo ai lavoratori più anziani di poter agganciare la pensione senza incorrere negli effetti della legge Fornero, ed esclusivamente in base al criterio della volontarietà».
«La mobilità interesserà 76 lavoratori complessivamente – spiegano -, dei quali 25 a Roccasecca, 45 a Trichiana e 6 a Bassano; i termini per manifestare la volontà di lasciare l’azienda scadranno il prossimo 30 dicembre».
«Intanto – aggiungono – l’8 gennaio è stato convocato dal Mise l’incontro per iniziare il confronto sul piano industriale, come chiedevamo da mesi. Ci auguriamo che, dopo questo accordo e dopo cinque anni di contratti di solidarietà, si possa avviare una discussione seria e concreta sulle prospettive di rilancio dell’azienda, ricompensando i dipendenti dei sacrifici affrontati».
Ricordiamo che a Roma si sono incontrate le segreterie nazionali di Ugl, Cgil, Cisl e Uil del comparto chimico coadiuvante dalle segreterie provinciali di Frosinone e dalle Rsu dello stabilimento di Roccasecca; e i vertici della società. «Si chiude positivamente questa procedura che  permettere ai lavoratori di cogliere un’opportunità prima dell'entrata in vigore dei primi effetti della riforma Fornero e cioè la riduzione di 12 mesi dal 1° gennaio 2014 - sottolinea il segretario Ugl, Valente -. Adesso l'attenzione delle organizzazioni sindacali si sposta tutta all'otto gennaio presso il ministero delle Attività produttive dove si dara inizio alla discussione del piano industriale 2015 / 2017».
Le organizzazioni sindacali, infatti, intendono guardare oltre la fase di crisi per verificare quali siano concretamente le previsioni di rilancio delle varie unità produttive del gruppo industriale.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it