L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Cassino/calcio giovanile, la juniores completa l’impresa ed entra nella storia

CASSINO - Vittoria doveva essere, e vittoria è stata. La Juniores Regionale del Cassino è entrata ufficialmente nella storia, dopo il perentorio 5-1 rifilato fra le mura amiche del glorioso Gino Salveti al malcapitato San Donato Pontino grazie ai gol siglati da Macciocchi, Belmani, Carello, Valle e Tomasso. Successo che ha consentito alla compagine allenata dal caparbio Montemitoli di vincere il campionato, conquistando l’accesso alla categoria dei prestigiosi Elite in vista della prossima stagione. 
Si chiude, dunque, in maniera a dir poco magnifica la trionfale cavalcata dei giovani talenti bianco-azzurri. 
Per comprendere totalmente la grandezza e la rilevanza dello straordinario percorso di cui gli stessi ragazzi si sono resi protagonisti assoluti, bisogna partire da un presupposto di base che ci porta a rievocare le aspettative possedute dal sodalizio presieduto da Nicandro Rossi in quel di settembre. Ciò che, principalmente, si chiedeva era di dare spazio a tutti, cercando di disputare un campionato privo di livellati obiettivi, con l’intento di fornire più calciatori possibili alla prima squadra, impegnata in Eccellenza. Pian piano, poi, attraverso prestazioni superlative, costituite da carisma, corsa e spietata lucidità sotto porta, capitan Marrocco e compagni hanno acquisito la piena consapevolezza del loro enorme potenziale, ingranando la marcia con andamento spedito. Soddisfatto e felicissimo del nobile traguardo conseguito l’allenatore del team cassinate, Gaudenzio Montemitoli: «Sabato è stata una giornata che sarà ricordata a lungo, sia da parte di noi protagonisti che dai tifosi del Cassino. 
Esserci affermati al primo posto, in un girone difficile come il nostro, mi riempie di contentezza e gioia. Non dimentico, infatti, quello che la dirigenza mi chiedeva ai nastri di partenza. 
Ci siamo resi artefici di una stagione fantastica, condotta ben al di sopra delle aspettative risalenti a settembre. Questo è poco ma sicuro. Nella partita vinta con il San Donato Pontino, la nostra superiorità – ha dichiarato - si percepiva sin dai primi minuti, ma ho rimproverato ai miei ragazzi il fatto di aver giochicchiato troppo, concedendo agli avversari delle occasioni a rete perfettamente evitabili. 
Nella ripresa, poi, abbiamo corretto quelle sbavature evidenziatesi, ed abbiamo dilagato, chiudendo il match sul 5-1. 
E’ stata un’affermazione importante, preziosa per la splendida festa finale ». Anche i numeri aiutano a capire quanto di buono fatto durante l’intera annata. Su trenta incontri giocati, sono state infilate diciannove vittorie e sei pareggi, con appena cinque sconfitte incassate. Inoltre, il Cassino può vantare il miglior attacco del raggruppamento “D” assieme al Sermoneta, forte delle considerevoli settantadue marcature siglate. Dati da capogiro che lo stesso allenatore commenta con tono orgoglioso: «I numeri non sempre dicono tutto, ma in questo caso – le sue parole – comunicano tantissime cose. Ci tengo a rimarcare il fatto che questa squadra ha totalizzato in trasferta ben undici vittorie su quindici, dimostrando di possedere grande personalità. Avere il miglior attacco e la seconda miglior difesa del girone è ulteriore motivo di felicità, ma il merito di questo va attribuito ai ragazzi. 
Li ringrazio tutti, così come ringrazio le persone che mi sono state vicino durante questo viaggio. Il contributo fornito da Claudio Iemma, Dino Marrocco, dal segretario Benito Coppola, Mario Marra e Mimmo Cagnazzo si è rivelato per me fondamentale. Ci tengo ad elogiare la profonda disponibilità di Renato De Santis, punto di riferimento per tutti noi, e di Massimiliano Babusci, allenatore della prima squadra. Anche i genitori dei ragazzi hanno rivestito un ruolo indispensabile, in quanto mi hanno supportato nei momenti più difficili della stagione. Ringrazio in maniera particolare, infine, Vincenzo Iemma per il lavoro minuzioso svolto con sette elementi da lui cresciuti negli anni precedenti. 
Le qualità di questi singoli calciatori sono esplose grazie a quello che hanno seminato in passato, seguendo gli insegnamenti di Vincenzo. La vittoria del campionato sento di condividerla con tutti loro». Per il prossimo anno, però, la permanenza di Montemitoli sulla panchina bianco-azzurra appare tutt’altro che certa. «Bisognerà sedersi attorno ad un tavolino e parlarne apertamente. 
La società, nelle figure del presidente Rossi e del direttore sportivo Lillo, mi ha costantemente appoggiato. Vedremo il da farsi, ma è chiaro che alcune cose non siano andate come desideravo. In particolare, sabato sulle tribune si sono sentite delle polemiche inutili e sterili che non hanno fatto bene alla squadra. Per fortuna, i ragazzi hanno avuto una grande reazione, fatta di serietà e professionalità. Questi aspetti – ha concluso – andranno analizzati attentamente ma intanto ci godiamo la vittoria preparandoci al meglio alla Coppa Lazio che ci vedrà impegnati già da domani contro le migliori squadre degli altri gironi».

 

Parla il responsabile del vivaio cassinate, Claudio Iemma

«Ad inizio anno siamo partiti con l’obiettivo di valorizzare i giovani che costituivano la rosa. Con tanto lavoro e molto sacrificio, alla fine, ci siamo resi protagonisti di una cavalcata incredibile».
Con queste parole Claudio Iemma, il responsabile del settore giovanile del Cassino calcio, esprime la sua immensa soddisfazione per l’impresa compiuta dalla formazione juniores di Gaudenzio Montemitoli, fresca vincitrice del campionato regionale di categoria». 
«Ci tenevamo a raggiungere l’obiettivo degli Elite, - prosegue Iemma -  e credo che questo traguardo possa rappresentare per Cassino un qualcosa d’importante. 
Da Roma in giù pochi paesi possono vantarsi di poter disputare una categoria così importante e competitiva. 
E’ chiaro che la squadra andrà puntellata con l’innesto di nuovi giocatori, ma per il momento non resta che goderci questo straordinario momento di meritata festa. Certamente a settembre ci faremo trovare pronti, soprattutto in considerazione della volontà della società di investire energie, professionalità e risorse nello sviluppo del settore giovanile». Il responsabile del vivaio cassinate fa anche il punto sugli obiettivi raggiunti con le altre squadre giovanili.
«A livello societario - afferma Claudio Iemma - la seguente è stata una stagione soddisfacente, perché abbiamo avuto un successo strepitoso anche con le altre categorie. Con ben duecentocinquanta iscritti alla nostra scuola calcio, puntiamo sempre a migliorare, cercando di crescere soprattutto in termini di qualità. Stiamo rifacendo gli impianti sportivi,  - conclude - e speriamo di continuare su questa lunghezza d’onda. Il prossimo anno vogliamo fare con i ’98 una Primavera Sperimentale Regionale, ed abbiamo riconfermato gli Allievi. Puntiamo al massimo, come sempre».                       

Roberto De Luca

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604