L'Inchiesta Quotidiano OnLine
In alto l’orso con i soldati polacchi In alto l’orso con i soldati polacchi

Cassino, piazza XV febbraio: una statua per ricordare la straordinaria storia dell’orso-soldato Wojtek

CASSINO - L’orso Wojtek, l’ eroe di guerra a 4 zampe che fu “agli ordini” del generale polacco Anders durante il bombardamento di Cassino del ‘44, sarà ricordato dalla città martire con una statua che presto sorgerà nei pressi di piazza XV febbraio.  Lo ha annunciato ieri il primo cittadino Carlo Maria D’Alessandro, subito dopo aver tagliato il nastro della nuova fontana alla presenza di un nutrito gruppo di amministratori comunali. Un omaggio a Wojtek, arruolato ufficialmente nell'Esercito polacco come soldato semplice ed addirittura elencato tra i soldati della 22ª Compagnia rifornimenti di artiglieria del Secondo Corpo d’Armata arruolato, che arriva ad anni di distanza dalla proposta avanzata da alcuni attivisti cassinati capeggiati da Antonio Capaldi, attuale presidente dell’associazione Le Nuove Contrade. La figura dell’orso, che all’ombra dell’Abbazia in tempo di guerra fu addetto al trasporto dei viveri e delle munizioni, raggiunse fin da subito una popolarità internazionale, ed emittenti come la Bbc o musei quali l'Imperial War Museum di Londra ed il Canadian War Museum di Ottawa, contibuirono a far conoscere la sua storia con servizi televisivi, documentari e targhe commemorative. Inoltre, se il governo D’Alessandro dovesse mantenere la parola data ieri, Cassino sarebbe la terza città al mondo, dopo Edimburgo ed Imola, a ricordare le straordinarie gesta dell’orso-soldato con una statua. «In campagna elettorale avevamo promesso di restituire le piazze ai cittadini - ha dichiarato  Carlo Maria D’Alessandro subito dopo l’inaugurazione -. Ed è ciò che stiamo facendo attraverso un intenso lavoro di riqualificazione di alcune aree importanti della città.  Abbiamo iniziato con i giardini di piazza Enrico Toti e ieri abbiamo proseguito con la fontana di piazza XV Febbraio, dove sono previsti anche ulteriori interventi. Nella parte antistante la fontana, infatti, sorgerà una nuova area verde con attraversamento pedonale in cui abbiamo pensato di far realizzare un monumento all’orso Wojtek. Un soldato a tutti gli effetti che seguì i suoi compagni dall’Iran, attraversando l’ Egitto prima di arrivare in Italia, dove prese parte alla battaglia di Monte Cassino e partecipò alla liberazione di Bologna». Un annuncio accolto con grande soddisfazione da Antonio Capaldi, numero uno de Le Nuove Contrade, presente ieri al taglio del nastro: «A nome di tutti gli iscritti alla nostra associazione, voglio esprimere gioia per quanto dichiarato dal sindaco D’Alessandro in merito alla statua in onore di Wojtek che dovrebbe sorgere nel cuore della città. E’ da quasi un decennio che questa proposta veniva continuamente presentata alle amministrazioni comunali che puntualmente la snobbavano. Ma a quanto pare - ha precisato e concluso l’attivista - questa è la volta buona».  Dopo la breve cerimonia in piazza XV Febbraio, è intervenuto sui temi del decoro urbano e della manuntenzione, anche il consigliere delegato Angelo Panaccione: «Stiamo lavorando per rendere sempre più decorosa ed accogliente la nostra città. Non abbiamo la bacchetta magica e dobbiamo pianificare gli interventi in base alle poche risorse economiche che abbiamo. E’ grazie all’intevento dei privati che con il progetto “Adotta un giardino” siamo riusciti a riconsegnare alla città delle aree verdi riqualificate e valorizzate. Come i giardini di Piazza De Gasperi, quelli di Piazza Toti, la rotatoria in via Casilina Sud e altre zone della città».                                             

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it