Alla Bce piace la Veil sull'euro. A Sommella cittadinanza onoraria di Ventotene


Alla Bce piace la Veil sull'euro. A Sommella cittadinanza onoraria di Ventotene

ROMA - Simone Veil su una banconota in euro? Non lo esclude la stessa Banca Centrale Europea, l'istituto che dovrebbe emetterla per tutta l'Ue. La novità, per certi versi molto incoraggiante, arriva al termine della campagna #unadonnaperleuro #simoneveil lanciata dall'Associazione La Nuova Europa e dal suo presidente, Roberto Sommella. Rispondendo allI'appello della non profit per la diffusione dei valori solidali per l'euro, la Direzione Comunicazione dell'Eurotower testualmente ha scritto: suggestioni come quelle de La Nuova Europa ''verranno tenute come fonte d'ispirazione per le prossime emissioni''. La notizia è stata resa nota dallo stesso Sommella, giornalista e scrittore, direttore delle Relazioni Esterne dell'Antitrust, pochi giorni dalla cerimonia in cui il Comune di Ventotene gli conferirà la cittadinanza onoraria dell'isola del Manifesto di Spinelli, Colorni e Rossi durante una cerimonia il prossimo 26 agosto. Insomma quello delll'Eurotower sembra un primo passo, anche se la strada è ancora lunga, per un riconoscimento formale alla prima presidente donna del Parlamento Europeo, già internata ad Auschwitz. La Bce, nella missiva alla Nuova Europa, ricorda peraltro che una donna è già presente sulle banconote, anche se pochissimi lo avranno notato: si tratta della principessa Europa, figura mitologica, effigiata sui tagli da 5 euro dal 2013. Un modo per dare un connotato ''umano'' alla moneta unica, il cui conio e stampa segue la linea tipografica delle epoche e degli stili, così come stabilito dal Consiglio dei governatori delle banche centrali. Certo un taglio in euro con l'effigie di Simone Veil, da poco scomparsa, cambierebbe molto le cose, visto che si tratta di una delle politiche più note in Europa, spiega in una nota l'associazione per la diffusione dei valori solidali in Europa. Nel lanciare l'appello alla Bce la Nuova Europa aveva sottolineato che "c'è un motivo per cui, a differenza degli inglesi, che hanno appena annunciato la stampa di una banconota da 10 sterline con l’effigie della celebre scrittrice Jane Austen, in Europa nessuna cartamoneta in euro ha ancora una donna come simbolo: nell’Unione il sesso femminile fatica a imporsi nel lavoro e nei posti di comando, in special modo in Italia, che è fanalino di coda. Logico che non trovi spazio nel simbolo per antonomasia di uno stato, la sua moneta". La proposta dell'associazione - che si prepara a creare una Scuola d'Europa a Ventotene per i licei di tutta l'Unione - mira a sensibilizzare le istituzioni europee in quanto l'integrazione passa anche attraverso l'uso dei simboli, e Veil è sicuramente un forte simbolo, positivo, dell'Unione, che può far saltare la convenzione di non effigiare che infrastrutture sulle banconote in euro. Una scelta tipografica, ma soprattutto politica, che sta peraltro dietro la mancata affezione degli europei alla moneta unica, vissuta come impersonale e non legata alla storia, ragiona l'associazione. Una scelta di rottura, con una persona realmente esistita sulle banconote in euro, come accadde con la Montessori sulle vecchie mille lire, secondo Sommella ''sarebbe il segnale della fine dell’età del maschilismo. O, per dirla con Austen, sarebbe la vittoria dell’orgoglio e la fine di un pregiudizio". Ora c'è da aspettare i prossimi bandi per le future emissioni e concretizzare la proposta. Intanto ad ottobre, partiranno le prime lezioni di cittadinanza europea nell'isola pontina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Economia e lavoro
 

Articoli correlati


Nella stessa categoria


Tags: