Sant'Andrea del Garigliano, morte Bove: si scava nelle ultime ore di vita. La ricostruzione


Sant'Andrea del Garigliano, morte Bove: si scava nelle ultime ore di vita. La ricostruzione

SANT'ANDREA DEL GARIGLIANO - E’ avvolta nel mistero la morte di Emanuele Bove, il 40enne di Sant’Andrea del Garigliano trovato senza vita in via Roma, nel centro del paese. A chiarire le cause sarà il medico legale che eseguirà l’autopsia sul corpo dell’uomo. Gli investigatori, intanto, sono al lavoro dalla notte scorsa e, stando alle indiscrezioni trapelate, non escludono nulla: né l’ipotesi dell’omicidio né una morte per cause naturali. Inizialmente, si era parlato di segni evidenti sul corpo dovuti ad un’arma da taglio. Dagli accurati riscontri proseguiti fino all’alba, è emerso che Bove nell’accasciarsi mentre si allontanava dalla sua auto sarebbe caduto, forse perché colpito da un malore, ed avrebbe battuto violentemente il volto a terra, riportando un trauma facciale. Tracce di sangue sarebbero state trovate all’altezza del volto. Il mistero resta perché la sua vettura, esaminata dagli investigatori, risulta fortemente danneggiata. Il lunotto posteriore e il parabrezza anteriore sarebbero stati colpiti con un’ascia. Se l’arma sia stata ritrovata o meno non ci è dato sapere. Chi avrebbe distrutto la Peugeot? In queste ore gli investigatori stanno ascoltando parenti, amici e residenti per ricostruire gli ultimi movimenti del 40enne ma anche il suo stato di salute. Emanuele Bove, come riferiscono, era una persona perbene, solare ed amata da tutti. Nessun precedente, nessun eccesso. Ieri sera è uscito per incontrare alcuni amici al bar, come spesso accade nei piccoli centri. Ne ha viste tante di persone, le conosceva tutte. Poi si è allontanato. Qui il nulla. Il corpo è stato ritrovato senza vita a 100 metri circa dall’auto che nel frattempo era stata danneggiata. Si continua a lavorare senza sosta e a coordinare le indagini dei Carabinieri c’è il sostituto procuratore Chiara D’Orefice. A capo del pool investigativo (Stazione di Sant’Appolinare e Compagnia di Cassino) c’è il tenente colonnello Andrea Gavazzi del Reparto Operativo di Frosinone.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Cronaca e Giudiziaria
 

Articoli correlati


Nella stessa categoria