Sora, amante ossessivo e violento l'aveva sequestrata, minacciata e picchiata. Arrestato


Sora, amante ossessivo e violento l'aveva sequestrata, minacciata e picchiata. Arrestato

SORA - Non una storia di stalking, non di violenza sessuale e neppure di sequestro di persona. E’ una storia di  tutte queste violenze insieme, messe in atto nei confronti di una donna che ha ceduto alla passione con l’uomo sbagliato. La vicenda ha avuto inizio non più di qualche mese fa quando a seguito di un incontro occasionale, i due hanno intrapreso una relazione amorosa clandestina.La donna, nella denuncia sporta presso la Questura, ha dichiarato che sin da subito è stata vittima di percosse, talvolta gravi a tal punto da rendere necessario l’intervento dei medici. Racconta che i rapporti sessuali, seppur consenzienti da parte sua, si sono svolti con modalità ben oltre la sua volontà e che in alcun modo si è potuta rifiutare al volere del suo aguzzino. L’ uomo è stato ossessionato da lei a tal punto di malmenarla anche solo per una chiamata ricevuta da parte di un familiare, o perché “ha osato” uscire senza il suo permesso. L’ ossessione malata e perversa di questo uomo è arrivata al punto da ritenere giusto sequestrare la donna nel suo appartamento, in provincia di Roma: la privazione della libertà è avvenuta nel loro ultimo incontro. Un incontro in cui la vittima ha creduto di morire e di non sopravvivere ai calci e pugni dati con cattiveria e crudeltà. Dopo ore di follia e rabbia sfogata sulla donna, l’uomo, preso da un momento di rara compassione, ha consentito alla vittima di potersi allontanare da quel luogo di tortura strappandogli la promessa che non avrebbe denunciato quanto di terrificante era avvenuto e minacciandola di morte nel caso in cui avesse sporto denuncia. A causa dei dolori lancinanti, la donna si è recata presso l’ospedale di Sora dove ha subìto il delicato intervento di asportazione della milza. Alla luce del racconto della donna, sostenuta anche dalla dottoressa Pagliarosi, psicologa della Polizia di Stato, l’uomo è stato arrestato questa notte dando esecuzione al provvedimento di custodia cautelare emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Tivoli: dovrà rispondere di reati gravi quali percosse, lesioni, e violenza sessuale.La violenza, in ogni sua forma, non è mai amore. La Polizia di Stato invita sempre a denunciare chiunque si renda autore di atti, verbali e non, che ledono in qualsiasi modo la liberta, la dignità e il benessere di ogni uomo o donna. Notevoli progressi sono stati fatti al fine di tutelare le vittime di violenza:  dall’inizio di quest’ anno, è attivo il protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) che prevede l’ istituzione di una checklist che, anche in assenza di formali denunce da parte delle vittime, segnala quella determinata persona quale responsabile di violenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Cronaca e Giudiziaria
 

Articoli correlati


Nella stessa categoria