Dominic Albert Sterbini

Ferentino, il dottore Dominic Albert Sterbini “angelo” dei poveri e console italiano a Springfield

FERENTINO - Dominic Albert Sterbini, bravo, generoso ed amato medico negli Stati Uniti, era nato a Ferentino, in provincia di Frosinone, nel 1893. Fu console italiano a Springfield, in Illinois, e, soprattutto, fu sempre animato da spirito filantropico. Dominic Albert Sterbini nacque, il 22 dicembre del 1893, a Ferentino, provincia di Frosinone, da Ludovico e Candida Pallotti. Ebbe quattro sorelle e quattro fratelli. Sin da ragazzo si mostrò di intelligenza vivace e assai portato agli studi. Si laureò in medicina, a pieni voti,  presso l’Università di Roma. Servì l’esercito italiano, come ufficiale medico, durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1925, con i fratelli più grandi Pio e Paolo, emigrò per gli Stati Uniti. Giunse ad “Ellis Island” sulla nave “Colombo”. Tenne uno stage formativo a New York e successivamente aprì un proprio studio a Springfield, nella contea di Sangamon, in Illinois. In questa cittadina vi era una nutrita comunità italiana e il dottor Sterbini ne divenne immediatamente un riferimento. Visitava gratuitamente i più poveri e organizzò numerose associazioni a scopo benefico. Nel 1927 sposò Lena Flamino, nata a Springfield il 5 marzo del 1907, dalla quale ebbe due figlie Dea e Silvana. Il 16 aprile del 1932 il console italiano John Picco fu barbaramente ucciso, con sedici colpi d’arma da fuoco, e le autorità italiane, assiemea quelle statunitensi, decisero di chiudere l’ufficio consolare. Passati alcuni anni si rese necessario provvedere alla riapertura del Consolato. Occorreva un degna e credibile figura e la scelta cadde sul dottor Sterbini che nel 1938 ne assunse la responsabilità. Si disse: “E’ il più adatto per la posizione, abile e generoso medico il suo incarico è stato sollecitato da molti italo-americani dell'Illinois centrale e meridionale”. Sterbini continuò a visitare, nonostante l’incarico, i suoi pazienti e una succursale dell’ufficio consolare fu aperto nel suo studio medico nel centro di Springfield. Lo scoppio della seconda guerra mondiale creò qualche problema al dott. Sterbini. Aveva avuto, anche per il suo ruolo, un atteggiamento propositivo verso il fascismo e gli fu consigliato di lasciare Springfield. Decise di recarsi, con la famiglia, a Colfax, sempre in Illinois, dove continuò ad esercitare la professione medica per altri 12 anni. Anche in questa cittadina riuscì a farsi amare ed apprezzare. Ebbe ruoli di dirigenza nei “Cavalieri di Colombo” a Springfield, nel “Sangamon Country Medical Society” e nalla “McLean Country Medical Society”. Morì nel gennaio del 1955.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it