Una foto durante l'evento

Cosilam in cattedra, il presidente Zola rende onore agli imprenditori Mattei

Il presidente del Cosilam, Pietro Zola, è salito in cattedra ieri mattina al Liceo “Marco Terenzio Varrone” di Cassino, dove ha tenuto un seminario per i numerosi studenti. Presenti nell’auditorium il direttore generale del Cosilam, Annalisa D’Aguanno, l’ingegnere Simona Sarra dell’Ufficio Tecnico dell’Ente, la dottoressa Alessandra Mattei in rappresentanza della famiglia Mattei. In quell’occasione è stato presentato il concorso letterario intitolato ai fratelli Pino ed Amilcare Mattei, al quale parteciperanno gli studenti dei tre indirizzi del Liceo Varrone: Liceo delle Scienze Umane, Economico-Sociale e Linguistico. 
La preside Filomena de Vincenzo, nel suo saluto ha sottolineato: «E’ questa una giornata molto importante, ospitiamo oggi il Cosilam ed è ancora una volta un motivo per avvicinare i giovani al mondo del lavoro. Attraverso l’Alternanza Scuola-Lavoro stiamo portando i ragazzi a far conoscere una realtà del territorio molto importante in quanto la lavorazione del marmo di Coreno è conosciuta in tutto il mondo». 
Il presidente del Cosilam, Pietro Zola, ha centrato il suo intervento sia sul Premio Mattei e sia sulla propria storia imprenditoriale, sottolineando: 
«Presentiamo la terza edizione del concorso Mattei, due colleghi imprenditori che hanno perso la vita in una tragica situazione a Coreno Ausonio, quindi in onore della loro memoria vogliamo portare avanti questa iniziativa. Credo che per costruire un buon futuro bisogna sempre tenere conto del passato».  
L’ingegnere Simona Sarra ha tenuto una relazione tecnica dal titolo: “Storia, peculiarità ed utilizzo di una nobile pietra, Perlato Royal Coreno”, delineando l’importanza della pietra nell’oggettistica e negli arredi interni ed esterni. 
La dottoressa Alessandra Mattei, ha invece spiegato: «Da decenni la nostra azienda opera nei settori dell’estrazione e della lavorazione dei materiali lapidei nel bacino marmifero del Perlato Royal di Coreno Ausonio, dal 2010 siamo impegnati anche nella produzione del marmo-cemento “Ecoroyal”. 
Il nostro pietrame proveniente dalle cave viene accumulato sui piazzali dell’unità produttiva e movimentato attraverso l’utilizzo di pale meccaniche, camion da cava enastri trasportatori, verso i mulini di frantumazione dove subisce prima della frantumazione, una prima selezione (per diametro e pezzatura). 
A seconda del prodotto finito, il pietrame subisce uno o più passaggi attraverso i vagli. Il prodotto ottenuto può essere stoccato in silos prima di subire ulteriori lavorazioni volte ad ottenere una granulometria minore». L’assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Cassino, Nora Noury, nel suo saluto ha sottolineato quanto sia «interessante come da queste tragedie che non dovrebbero mai  accadere è nata l’iniziativa di questo concorso che coinvolge tutti gli studenti. Un plauso a questa realtà imprenditoriale. Esprimo la mia vicinanza alla famiglia Mattei». L’evento è stato presentato dal giornalista Giuseppe Del Signore ed è iniziato con la visione di un video di presentazione del distretto del marmo.
 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it