Pietro Pacitti

Cervaro, Pacitti: «Con le intenzioni la buona politica si può fare... anche dall'opposizione»

Continua con crescenti consensi l’azione politica del consigliere comunale Pietro Pacitti, anche grazie ai numerosi eventi che sta proponendo alla cittadinanza. «Non voglio solo riscaldare la sedia che mi spetta tra gli scranni dell’opposizione né contestare a prescindere l’azione del governo cittadino, ritengo altresì che la proposta di un’attività politica costruttiva e condivisibile con le aspettative dell’elettorato sia oltremodo positiva per la necessità di confronto e crescita che la popolazione attende da troppi anni». Così Pietro Pacitti che nelle ultime settimane ha promosso eventi di notevole interesse sia da un punto di vista sociale che culturale: il dibattito sulle tematiche sociali e le aspettative del territorio seguito dalla raccolta alimentare per le famiglie concludendo con l’organizzazione di un concerto tenuto dal coro dell’Asdoe presso l’Auditorium “Bellini” di via Prato Piternis. Guardando con particolare interesse all’attività di Forza Italia e del massimo rappresentante territoriale, Mario Abruzzese, lo stesso Pacitti non si nasconde nel sottolineare come «sarebbe opportuno condividere scelte e strategie, e mi rivolgo in particolare alla scia più giovane della nostra comunità, specie guardando al prossimo 4 marzo ed alla fine della diciassettesima legislatura oltre che al rinnovo del consiglio regionale del Lazio». «E’ bene focalizzare che esprimere un voto debba significare soprattutto per noi cittadini di Cervaro come un sostegno concreto per la collettività in termini di rappresentanze e di esperienza anche per poter eventualmente accedere ai tanto “desiderati” finanziamenti europei - ha chiosato il consigliere Pacitti - ed in tal senso l’esperienza di taluni nella politica locale, regionale ed europea è certamente un vantaggio in termini logistici». «Ora si può dire tutto ed il contrario di tutto, ed in tanti, sicuramente, avranno da ridire su quello piuttosto che su quell’altro, ma smettere di pensare che la campagna elettorale sia uno sportello occupazionale è doveroso, perché non c’è alcun partito politico che gestisce un centro per l’impiego - ha constatato il giovane consigliere cervarese - perché la politica ha il compito ben più gravoso di dare risposte al territorio, creando opportunità, tutelando le aziende ed impegnarsi a migliorare globalmente un’area in crisi come quella cassinate. Allo stesso tempo - ha affermato Pietro Pacitti - non bisogna ascoltare quegli esponenti di taluni partiti suddivisi in innumerevoli costole, o partiti che nascondono la loro, come dicono, trasparenza, dietro il web dove sappiamo bene tutti noi, che dietro un sito web siamo bravi a scrivere e a far credere quello e ciò che vogliamo e che non vogliono il confronto il dialogo con nessuno avendo anche delle giuste cause. Il dialogo e il giusto confronto anche con eventi permette di fare ed allo stesso tempo di mettere a disposizione del cittadino una buona politica che sicuramente può fare il bene di tutti. Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente il Sindaco di Cervaro, Angelo D’Aliesio e l’amministrazione cittadina oltre che Mario Abbruzzese, Pasquale Ciacciarelli, Francesca Calvani, Gianrico Langiano ed il gruppo Forza Italia Giovani di Cassino per la sensibilità e la vicinanza dimostrata nell’ambito degli eventi che ho proposto in questi mesi. L’esempio che abbiamo dato in questo frangente è di piena sinergia per la nostra comunità - ha concluso Pacitti - non a caso alla presenza di ospiti illustri quali i sindaci di Cassino e Piedimonte San Germano, D’Alessandro e Ferdinandi e di fronte ad una nutrito pubblico è emerso chiaramente che la maggioranza consiliare cervarese sia stata presente e abbia risposto con entusiasmo all’invito di un consigliere di minoranza, è stato un atto di dimostrazione che quando ci sono le intenzioni è possibile fare buona politica sempre per il bene dei cittadini tutti, a volte riuscendo anche a non sventolare vessilli partitici e questo esempio sta creando invidia e riflessioni negli altri comuni e mi auguro che i colleghi delle altre amministrazioni possano intraprendere la stessa strada, dando la stessa dimostrazione che la buona politica c’è e si può fare».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it