L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il pivot virtussino Simone Bagnoli Il pivot virtussino Simone Bagnoli

La Virtus Cassino smaltisce la delusione di Barcellona imponendosi su Cagliari

Una vittoria netta, pienamente meritata al termine di una gara condotta sempre in vantaggio su Cagliari, consente alla Virtus Cassino di smaltire parzialmente la cocente delusione per il modo in cui è maturata la sconfitta di giovedì scorso in casa della capolista del girone Barcellona e di guardare all’immediato futuro con rinnovata fiducia. 
Gli uomini di coach Luca Vettese, nella gara di campionato valevole per il ventiduesimo turno disputata ieri pomeriggio al PalaVirtus di viale De Feo, hanno prontamente riscattato il kappao siciliano che aveva lasciato non pochi strascichi e sollevato diversi interrogativi sulla tenuta mentale dei rossoblù, imponendosi sugli avversari di giornata della Fotodinamico Cagliari con il punteggio di 77-50.
«Quello di Barcellona era un passaggio cruciale della nostra stagione - aveva tuonato come un fiume in piena nel post match il diesse cassinate Leonardo Manzari -  ma ci manca sempre un centesimo per fare l’euro. Non voglio fare proclami adesso, che senso avrebbero? Non ne voglio dai tecnici e dai giocatori. Ognuno faccia il proprio lavoro, ognuno faccia quello che sa e deve fare. Ognuno soprattutto rispetti i colori che indossa. Ora è il momento della riflessione e della voglia. Voglio adesso giocare settimana dopo settimana e guardare l’atteggiamento dei giocatori che indossano questi colori. Voglio vedere chi è uomo e chi non lo è. Voglio vedere attributi. Gioca solo chi ha voglia, sono stato chiarissimo con i tecnici e soprattutto chi lo dimostra in allenamento. Adesso la pressione è tutta sugli atleti che vestono questi colori. Le prossime nove partite, lo dico prima a bocce ferme a scanso di equivoci, per niente facili, saranno un viatico anche per comprendere chi merita di vestire questi colori. E si comincia da lunedì che a dispetto dei numeri vi dico deve essere affrontata con umiltà e rabbia. Mi aspetto che arrivino presto i play off e che la delusione di giovedì scorso si tramuti in rabbia. - aveva concluso la sua amara disamina post Barcellona il direttore sportivo Manzari - Avessero la metà della mia rabbia quelli che vestono questa maglia andrebbero sulla luna o forse su Marte. Ogni tanto si riaffacciano vecchi fantasmi e paturnie sciocche e senza senso. Voglio rabbia e furore agonistico. Adesso voglio vedere di che pasta sono fatti gli Under e che ardore sapranno trasferire sul parquet».
La squadra della Bpc Virtus Cassino ha immediatamente risposto sul campo alle sollecitazioni giunte dalla dirigenza. Reazione doveva essere e reazione è stata. I Lupi rossoblù hanno fatto un sol boccone dei malcapitati Pirati cagliaritani evidenziando tutta la differenza tecnica e di personalità tra i due roster. Coach Vettese si è affidato al quintetto formato da Carrizo, Bagnoli, Del Testa, Cena e dall’ultimo acquisto Pasquinelli che ha consentito alla formazione della città Martire di prendere subito il largo e di scavare un divario che non sarà più colmato. Il tecnico cagliaritano Fioravanti ha risposto con Vannuzzo, Locci, Villani, Trionfo e Pompianu ma sin dalle prime battute i cassinati hanno messo in chiaro che avevano tutta l’intenzione di  imporre la legge del PalaVirtus indirizzando la contesa sui binari a loro più congeniali, chiudendo il primo periodo sul +10, 22-12, palesando una buona prolificità sotto canestro ed un ottimo assetto difensivo. Sugli scudi Maurizio Del Testa che ha chiuso la sua prestazione con 22 punti all’attivo ed un invidiabile 5 su 8 dalla distanza lunga. 
La seconda frazione, chiusasi sul 17-15 per la squadra ospite, ha comunque consentito ai cassinati di andare all’intervallo con otto lunghezze di vantaggio, sul 37-29. Ancora più equilibrata si è rilevata la terza frazione che ha visto Cagliari prevalere di un punto, 11-10. Ma nell’ultimo periodo i cassinati hanno fatto nuovamente la differenza, imprimendo una accelerata decisiva: 30-18 il parziale per la Virtus che chiude i conti sul 77-58 con Bagnoli e Petrucci in doppia cifra, 17 e 12 punti per loro, scaccia i fantasmi della sconfitta di Barcellona e si proietta sulla prossima sfida di campionato che vedrà Cassino impegnato sul parquet di Al Discount Dynamic Venafro.   

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it