L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Coach Maurizio Colucci

Una Globo Sora dai due volti perde al tie break il test contro il Tuscania

SORA - Dai due volti la prima uscita di pre season della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che al PalaMalè di Viterbo ha fatto suoi i primi due set, ha ceduto il terzo ai vantaggi e poi si è fatta portare al tie break dalla Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania che, invertendo la sua rotta, si aggiudica il test match.   “Abbiamo fatto un bel primo set giocando una buona pallavolo con qualche errore ma in misura giusta - spiega coach Maurizio Colucci -. Nel secondo invece c’è stato un calo di concentrazione e di attenzione forse pensando che potevamo gestire le cose. Tuscania ci ha messo un po’ a entrare in partita, ma mentre noi stavamo rallentando lei ha cominciato a fare qualcosa in più. Abbiamo cominciato a essere in ritardo su alcune situazioni di gioco e a commettere qualche errore in più, nonostante questo abbiamo fatto nostro anche il secondo set. Nel terzo è arrivata la vera reazione avversaria che ha coinciso con un nostro maggiore calo il quale attraverso gli errori ha portato nervosismo non facendoci riuscire a fare più bene. Rispetto al match precedente qualcosa è andato meglio, dal punto di vista tecnico questa gara ci è servita molto, ci ha dato tante informazioni sul lavoro da fare con la battuta che si conferma fondamentale sul quale dobbiamo concentrarci tanto e bene in palestra, come anche sulla ricezione. Questi test sono davvero importanti per capire veramente chi sono nostri atleti e a che punto sono fisicamente e atleticamente, per questo abbiamo dato spazio a tutta la rosa”.   Allo starting players coach  Mario Barbiero scende in campo con Kedzirski al palleggio opposto a Petkovic, Joao Rafael e Nielsen in posto 4, Di Martino e Caneschi al centro, e Bonami libero. La guida tecnica locale invece propone la diagonale Peslac-Osmanovic, i martelli Bertoli e Formela, i centrali Fabi e Pizzichini, e Sorgente libero. Il muro di Caneschi ai danni di Bertoli carica subito i suoi e mostra all’avversario le intenzioni di un Sora particolarmente ispirato, infatti in pochi minuti tocca il 2-10. Nonostante il time out discrezionale richiesto da coach Morganti, il suo sestetto subisce l’aggressione di Nielsen e Petkovic. Capitan Buzzelli prova a riportare la battuta nella sua metà campo ma il gioco sorano è interrotto solo per il cambio palla non spezzandosi al breck. Così la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora tiene stretta per tutto il set le sue notevoli lunghezze di vantaggio che oscillano dal +8 al +10 del 24-14. Il primo game si chiude come si era aperto, con Caneschi dal centro della rete imprendibile dal muro di Pizzichini per il 16-25.   Più equilibrato l’avvio del secondo set con Sora che però segna il suo bello e cattivo tempo fino al 7-8 quando con un mini break positivo di 4-0 torna a mettere una distanza con Kedzierski all’ace per due volte consecutive per il 7-12. Rosicchia qualche lunghezza Tuscania ma Nielsen è in corsa e tiene vivo il vantaggio dei suoi fino al 14-19. Il servizio torna nei nove metri locali affidato alle mani di Peslac che crea un po’ di difficoltà al contrattacco avversario portando la contesa in parità, 19-19. Si apre un punto a punto nel quale è la Globo a mettere per prima il naso avanti con Joao Rafael e Fey a conquistare 3 palle set. Annulla la prima Osmanovic ma il solito Caneschi non si lascia sfuggire l’occasione del 22-25. In vantaggio per 2 set a 0 i ragazzi di coach Barbiero cercano di avvicinarsi al loro obiettivo portandosi avanti nel punteggio 5-7 ma arriva il contro break dell’8-7. Sora innesca la fuga e Tuscania rincorre bene riuscendo negli agganci del 16-17 e 20-21. Con l’ace di Formela arriva la parità del 23-23 e poi quella che rimanda tutto ai vantaggi. Peslac di seconda intenzione e Bara a muro ridanno speranza al Tuscania e riaprono il match. Il gioco delle squadre in campo per il quarto game è più equilibrato me dopo l’8-8 comincia a pendere dal lato locale con il +4 del 10-14 mantenuto al 12-16 e al 15-19. Non trova la reazione giusta Sora e, subendo prima il servizio di Bara e poi quello di Osmanovic cede 25-18. Tutto da rifare, il risultato del test match sarà il tie break a deciderlo. Maury’s subito aggressiva con Bara ancora a segno dai nove metri. Il vantaggio è locale e cresce azione dopo azione con il 6-3 che diventa 10-5. Joao Rafael e Caneschi cercano di raddrizzare il tiro ma resta il tempo solo per l’ultimo punto di Rawiak prima che i padroni di casa chiudano il set 15-11 e il match 3-2.   

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it