L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Durante un incontro Durante un incontro

Cassino2021, partita la sfida del centrosinistra. Aperto il tavolo per l’alternativa a D’Alessandro

Sorprende l’attivismo del Partito Democratico targato Fardelli che continua a macinare eventi ed incontri nel Circolo di Via Arigni 176 tanto che alcuni tesserati stanno pensando di spostare direttamente il domicilio nel Circolo vista l’assidua presenza e da qui ai prossimi mesi gli incontri potrebbero aumentare in maniera esponenziale visti i tavoli aperti nel Pd. 
Il più interessante è senza dubbio quello inaugurato nella serata di martedì con il primo incontro di quello che dovrebbe diventare il baluardo del centrosinistra contro l’attuale amministrazione comunale per le amministrative del 2021. Il tempo è ancora molto e da qui alla presentazione delle liste il centrosinistra si sarà impegnato nella massima frantumazione possibile, ma resta il fatto che il circolo dem ha mantenuto l’impegno lanciato durante la Festa de L’Unità di iniziare a tracciare quel perimetro entro cui costruire l’alternativa alla gestione di centrodestra in Piazza De Gasperi. All’appello hanno risposto per i primi i partiti e i movimenti che già ci avevano messo la faccia durante l’iniziativa al Parco Baden Powell, anche se altri hanno già dato la propria disponibilità per i prossimi appuntamenti. Difficile dire se uscirà qualcosa di veramente concreto da questo tavolo, sicuramente si parte dal fatto di aver messo assieme una parte del centrosinistra cittadino e questo non è poco ma allo stesso tempo non vuol dire nulla visto che chi mastica di politica sa bene quali sono i luoghi dove si fanno le chiacchiere e quelli dove si prendono le decisioni e come.
Per qualche mese ancora questi due centri coincideranno poi si vedrà. Ed è stato proprio questo uno degli argomenti di discussione dell’incontro con la ferma volontà di non lasciare ad altri la scelta sul destino della coalizione. 
Se il Partito Democratico al momento resta il punto di riferimento per tutti, anche perché l’unico “luogo” strutturato del centrosinistra cassinate, già qualcuno avrebbe messo qualche paletto per continuare il dialogo per evitare che le altre forze si ritrovino tra qualche mese ad avere il ruolo di figuranti davanti al candidato a sindaco dem. 
Nomi al momento non ne girano e non se ne faranno (ufficialmente) per molto tempo ancora ma un’idea sul peso politico delle forze in campo è il primo ragionamento da cui partire. Inutile sottolineare come solo unito il centrosinistra può avere una chance di vincere anche se la cosa complicata a questo punto è dare un significato alla parola “centrosinistra” cominciando a mettere i paletti per delimitarne l’area. 
Chi vuol vincere vede con favore un’apertura ai moderati senza escludere tutta l’area a sinistra del Pd, mentre i più “radicali” vorrebbero mettere il confine tra le colombe del Partito Democratico e su questo punto già ci saranno le prime, inevitabili, discussioni. 
Altro nodo che ben presto arriverà al pettine sarà quello del profilo (almeno teorico) del candidato a sindaco perfetto. E qui sono ampie le possibilità di veder saltare il banco. Al momento è forte la voglia di lasciare da parte le tessere di partito e puntare forte su un nome della società civile, con tutti i rischi del caso. Deroghe potrebbero essere fatte solo per figure di altissimo profilo che però sono poche e non interessate al momento. 
La road map è abbastanza chiara ed entro fine anno il tavolo dovrebbe assumere una fisionomia quasi definitiva. Tutto il 2019 per discutere del progetto e provare a mettere in crisi la maggioranza, per poi lanciare forte la candidatura nel 2020 e sperare per la primavera successiva.          

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it