L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Una situazione di degrado Una situazione di degrado

Fontana Liri, Venditti: «Siamo immersi nel degrado più assoluto. Si intervenga al più presto»

L’ordinaria manutenzione può diventare anche un serio problema per le amministrazioni comunali. Il tempo passa, ma la situazione anziché migliorare, rischia di peggiorare irrimediabilmente con responsabilità oramai generalizzate. Di questo ne è certo Vittorio Venditti, dirigente provinciale di Gioventù Nazionale e Fratelli d’Italia, che nei giorni scorsi ha fatto un tour tra le vie del paese. La lotta contro il degrado ambientale passa doverosamente dal rispetto dei diritti dei cittadini residenti, primo tra i quali quello all’informazione sulla salubrità dei luoghi in cui si vive. Troppo spesso la conoscenza reale dei luoghi viene volutamente ostacolata dalle amministrazioni e dalle lobbies di settore. «A Fontana Liri regna il degrado più assoluto - ha esordito con fermezza -. Come nella maggior parte del paese, nei pressi del Ponte Romano, la manutenzione di panchine ed il taglio del verde pubblico è alquanto assente». Un duro attacco quello che Venditti ha lanciato nei confronti dell’amministrazione comunale. Lo scopo di Venditti è quello di accendere un focus su un problema che attanaglia la quotidianità di tutti i cittadini. «Questo dimostra come l’amministrazione comunale, ancora una volta - sottolinea il dirigente provinciale di Gioventù Nazionale e Fratelli d’Italia - si dimentica di compiere i lavori di manutenzione ordinaria. Assistiamo infatti a posti turistici del paese gravanti e che vivono situazioni davvero inconcepibili». Nel parcheggio vicino alle scuole medie sono presenti panchine rotte e transennate con del nastro, ormai rotto. Per non parlare delle sterpaglie che fuoriescono dal torrente sottostante e che «danno una immagine pessima del posto». Nell’area pic-nic vicino il vecchio mulino, l’erba ha ormai ricoperto la strada e il transennamento, alla sua fine, deturpa ancora di più il paesaggio. «Insomma - ribatte Vittorio Venditti - Fontana Liri è un paese allo sbando, dove nessuno si occupa di niente. Le lamentele dei cittadini ci arrivano anche dal cimitero, dove la situazione non cambia e le sterpaglie la fanno da padrona. Noi, di Gioventù Nazionale e Fratelli d’Italia, non possiamo rimanere in silenzio davanti a questo scempio - chiosa Venditti -. Abbiamo il diritto di farlo presente al sindaco di Fontana Liri, che dovrà risolvere la situazione dando dignità al nostro paese. Come Fratelli d’Italia continueremo a batterci per il bene del paese, fino a quando il sindaco e l’amministrazione comunale non si sveglieranno: ma credo che tra due anni li sveglieranno i cittadini. Gli amministratori fontanesi, non possono e non devono arroccarsi su stratagemmi o giustificazioni alle quali la risposta non sia esaustiva. Devono cercare di risolvere i problemi di carattere ambientale, per noi e per le future generazioni. Le colpe sono diffuse: gli amministratori si diano da fare davvero per cercare soluzioni migliorative. E’ giunto il momento di dire basta».                    

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it