L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Un tratto della via Casilina a Castrocielo Un tratto della via Casilina a Castrocielo

Il sindaco Materiale: «Pini e querce sono inclinati vanno abbattuti immediatamente»

Gli alberi lungo la via Casilina Nord, a Castrocielo rischiano di finire sulla strada. Lo dice la relazione dell’Ufficio Tecnico comunale, l’ennesima, che ieri mattina è stata protocollata con il numero 9192 ed inviata agli Enti preposti. Come aveva annunciato il sindaco Filippo Materiale due giorni fa. Il documento è stato trasmesso all’Astral, al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, alla Prefettura di Frosinone, al Gruppo Forestale dei carabinieri di Frosinone e alla Stazione dei carabinieri di Aquino. Il primo cittadino invita a mettere in sicurezza, in tempi rapidi, il tratto di strada per le «gravi criticità» riscontrate ed invita «a prestare ascolto alle segnalazioni di pericolo». Per Materiale vanno «abbattuti tutti gli alberi pericolanti». 
In particolare, la ricognizione dei responsabili dell’Ufficio Tecnico comunale e della Polizia Locale ha permesso di accertare che molti pini e querce, a causa dell’ondata di maltempo di questi giorni, sono stati sollecitati e alcuni di essi sono inclinati. 
«In riferimento a quanto in oggetto - si legge nella nota inviata agli Enti ieri mattina - e facendo seguito alla nota del 31 ottobre 2018, lo scrivente ha ritenuto opportuno effettuare in via prioritaria, congiuntamente al Comandante della Polizia Locale, un sopralluogo lungo la Sr 6 Casilina - tratto comunale - per la ricognizione e l’accertamento dello stato dei luoghi, a seguito delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei giorni trascorsi, e con particolare riferimento alle fortissime raffiche di vento del 29 ottobre 2018. Da una ricognizione a vista della citata arteria stradale è stata accertata la situazione di pericolo per la sicurezza delle persone ivi transitanti, derivanti dalle piante di pino di alto fusto e di querce fiancheggianti la Sr Casilina, lungo l’intero tratto ricadente nel territorio comunale. A causa delle recenti avversità atmosferiche le piante di pino e di quercia - si legge nel documento - hanno subito notevoli sollecitazioni sia per quanto concerne l’apparato radicale, sia per il forte fenomeno di oscillazione e scuotimento dei tronchi, dei rami, e delle chiome presenti sulle alberature. Inoltre, dall’esame a vista si denota un aggravamento della instabilità dei tronchi, poiché gli stessi si discostano dall’allineamento verticale e risultano inclinati o verso la carreggiata stradale o verso la proprietà privata. Pertanto - in conclusione -, nel constatare la mancanza delle condizioni di sicurezza lungo il succitato tratto della via Casilina, è stata altresì accertata la necessità di procedere ad un intervento radicale di abbattimento di tutte le alberature di alto fusto esistenti sull’intera tratta della Sr Casilina, ricadente nel territorio comunale con priorità immediata di quelle già inclinate».
Il sindaco Materiale resta fermo sulla sua posizione e - come dichiarato nel giorno dei funerali di Rudy Colantonio e Antonio Russo, uccisi lunedì scorso da un pino che si è abbattuto sulla loro Smart, «L’arteria va messa in sicurezza altrimenti bisogna avere il coraggio di chiuderla». Un altro dato allarmante è che l’Astral - stando alle dichiarazioni del primo cittadino - «non ascolta il territorio e chi lo conosce. C’è mancanza di udienza».
Intanto, la Procura di Cassino continua ad indagare sull’incidente avvenuto lunedì. Nel fascicolo aperto dal pm si ipotizza il reato di omicidio colposo. In corso di accertamento le responsabilità di quanto accaduto. 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604