L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Unicas, il Coro Vesuviano onora le Donne

Parlare di violenza non è sempre efficace. Affidare ai testi in dialetto napoletano e alle musiche originali, di stampo mediterraneo, è il modo per arrivare dritti al cuore. Per emozionare e far riflettere. E’ l’ultima frontiera sperimentata dalla professoressa Fiorenza Taricone, presidente del Laboratorio Anti Discriminazione all’università di Cassino e del Lazio meridionale e consigliera di parità della Provincia di Frosinone. La sua iniziativa “La violenza ontro le donne è un problema di tutti” ha centrato l’obiettivo. Aula Magna stracolma, tantissimi studenti degli istituti superiori attenti spettatori e non solo. I ragazzi dell’IIS Angeloni di Frosinone, IIS San Benedetto, IIS Carducci, Itis Majorana, Scientifico Pellecchia, Liceo Varrone di Cassino, Itis di Pontecorvo, hanno non solo potuto apprezzare gli interventi dei relatori che si sono susseguiti, ma anche ammirare le opere dell’artista Brunella Ferrari. La pittrice cassinate ha esposto le sue tele “a tema”, spiegando poi la valenza dell’immagine, espressione ideale per la descrizione di sentimenti e stati d’animo, in particolare quelli che attraversa una donna durante la sua vita. Arte anche come installazione, con le scarpe rosse che sono state posizionate in diversi angoli del Campus per ricordare simbolicamente tutte le vittime di violenza. La professoressa Taricone ha accolto tutti gli ospiti, a cominciare dal rettore Giovanni Betta e dal vicequestore Raffaele Mascia. Il vicepresidente della Provincia di Frosinone, Massimiliano Mignanelli, ha sottolineato la valenza dell’evento. «Raccogliamo gli spunti e mettiamo a sistema nuove strutture per far sentire le donne sempre più vicine alle istituzioni. Noi continueremo a sostenerti, Fiorenza». Largo ai giovani, con la conduzione della mattinata a cura del laureando Giuseppe Argenziano, sensibile al tema dei diritti umani. Quando ha preso la parola Beatrice Moretti, segretaria Spi-Cgil, l’attenzione si è spostata «sulle disparità dell’esito delle inchieste tra nord e sud quando si tratta di violenza di genere». Alessandra Romano, segretaria Cisl, ha invece snocciolato i dati sulle denunce: 113 nella provincia di Frosinone. «Troppo poche rispetto alla portata del fenomeno, che dunque resta in gran parte sommerso». Nisia Lucchetti, Asl Frosinone - Rete provinciale antiviolenza, ha illustrato il protocollo atttivo nei pronto soccorso di tutto il territorio per chi è vittima di violenza. Suggestiva la visione del documentario realizzato da Unoetre.it con Angelino Loffredi e Lucia Fabi a ricordare le marocchinate, sulle quali di recente è stata aperta una inchiesta. Un saluto alla platea è stato regalato da Vanessa Villani «tornata ad una seconda vita» e poi tutta l’attenzione si è concentrata sul Coro Vesuviano. Un’esplosione artistica al femminile, ad esclusione del percusssionista, che ha regalato a tutti i presenti emozioni davvero forti attraverso ritmi mediterranei, musiche originali e testi che lasciano il segno. Con riferimenti a donne cancellate dalla violenza. Anche nell’antichità, come lo splendido brano dedicato ad Ipazia, l’astronoma e matematica condannata a morte da Cirillo. Il potere della musica ha fatto sì che centinaia di ragazzi e ragazze si soffermassero a riflettere. E ad applaudire. Un gran risultato.                      

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604