L'Inchiesta Quotidiano OnLine
il segretario della FeLSA Cisl Lazio, Stefano Tomaselli

Lavoro in provincia di Frosinone, contratti in somministrazione per 8707 giovani nel 2018

In questi giorni è stato sottoscritto con Assolavoro e Assosomm l’ipotesi di rinnovo del CCNL delle agenzie di somministrazione raggiunto dopo una lunga e complessa trattativa iniziata nel lontano 2016,  che  ha introdotto importanti novità  che riguarda  oltre  650mila lavoratori somministrati. Spiegano dalla Cisl di Frosinone come l’intesa garantisca "continuità occupazionale e rafforza le tutele  dei lavoratori somministrati valorizzando il  welfare contrattuale  e  introducendo misure di politica attiva finalizzate alla ricollocazione del lavoratore,  attraverso percorsi di riqualificazione con  le agenzie per il  lavoro".

La soddisfazione delle Organizzazioni sindacali si innesta in un momento storico particolare alla luce dei diversi mutamenti  economici  e normativi avvenuti negli ultimi tempi, da ultimo l’introduzione del Decreto Dignità che, in provincia di Frosinone,  come sottolinea il segretario della FeLSA CISL LAZIO Stefano Tomaselli, "ha prodotto in alcune realtà produttive  il turn-over dei lavoratori somministrati  al  superamento dei 12 mesi di anzianità aziendale e  in alcuni casi la trasformazione di contratti a tempo indeterminato. Nonostante la lenta ripresa economica ed occupazionale, in provincia di Frosinone, nei primi sei mesi del 2018,  secondo i dati forniti dall’Osservatorio nazionale Ebitemp, sono state registrate 8707 assunzioni da parte delle Agenzie del lavoro che hanno interessato  6824 uomini  e 1883 donne".

Continua Stefano Tomaselli: "La somministrazione sul nostro territorio  risulta  una delle modalità, maggiormente utilizzate per l’inserimento nel mercato del lavoro quale  esempio di buona  flessibilità negoziata e sempre di più tutelata ulteriormente rafforzata dall’intesa siglata nei giorni corsi. Nello specifico l’intesa, per i tempi determinati,  prevede i casi  nei quali il contratto può essere prorogato liberamente anche dopo i 12 mesi e l’ampliamento  della platea dei beneficiari del sostegno al reddito che è aumentata 1000 euro e introduce  un sostegno di 780euro anche a coloro che hanno lavorato 90 giornate  negli ultimi 12 mesi sempre a carico del Fondo di Solidarietà Bilaterale.(FSB).  Inoltre viene introdotta una nuova prestazione di diritto mirato alla formazione finalizzata alla continuità occupazionale esercitabile dal lavoratore presso un agenzia per il lavoro anche diversa dall’ultima presso cui ha svolto la missione e sono previsti anche incentivi alle agenzie per il lavoro che assumono a tempo indeterminato proprio per arginare il rischio del turn-over prodotto dal Decreto Dignità".

Pertanto nelle prossime settimane, come FeLSA Cisl Lazio, saremo impegnati su tutto il territorio provinciale nelle assemblee per illustrare a tutti i lavoratori e lavoratrici in somministrazione i contenuti salenti dell’intesa sottoscritta.

Anche il segretario generale della Cisl di Frosinone Enrico Capuano interviene sul tema legato alla flessibilità del mercato del lavoro che oggi coinvolge sempre più giovani lavoratori che "hanno bisogno di essere tutelati ed accompagnati a prescindere dalla tipologia contrattuale. Come sindacato dobbiamo essere inclusivi e cooperare per una maggiore coesione sociale senza lasciare vuoti di rappresentanza e dare voce a tutte le tipologie contrattuali.  Questa ipotesi di rinnovo del CCNL delle agenzie di  somministrazione con questi presupposti favorire la continuità occupazionale, rafforza il welfare e punta su misure concrete di politiche attive finalizzate alla ricollocazione".

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604