L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Sara Manfuso con la mamma Sara Manfuso con la mamma

Disabilità, mia madre e il valore dell’esempio

Felice, e non poco, di prendere parte all’iniziativa promossa dal CUT di Cassino e dal suo irrefrenabile Direttore Artistico Giorgio Mennoia presso l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. Felice perché, oltre a sedere accanto a chi con con vigore e passione dà il suo contributo alla ricerca come Rosella Tomassoni, potrò affrontare nella mia città d’origine un tema che tanto mi sta a cuore e che è oggetto del mio impegno civico: la diversità.
Diverso da chi? Diverso da cosa? A queste domande la risposta l’ha data una persona a me vicina e alla quale dedico queste poche righe: Elvira De Bellis, mia madre.
Proprio lei, che collabora da anni con CSE (centro socio educativo) Arcobaleno di Caira Cassino gestito dalla cooperativa Arca il cui direttore è Mario Nardoianni, ha saputo farmi comprendere con semplice ma calda umanità che il disabile non è un corpo estraneo alla società in quanto non perfettamente identico a un “noi”, ovvero la pseudo-comunità di “perfetti”. No, il disabile è innanzitutto una persona (la cosa appare banale, ma va invece ricordata perché spesso i diritti fondamentali delle persone diversamente abili non vengono rispettati) che possiede delle peculiarità che lo rendono unico. Come esattamente unico è ogni individuo che abita questo mondo. E tale unicità è un valore, va coltivata, e mia madre questo me lo ha insegnato portandosi anche il lavoro a casa. Perché, in barba al freddo formalismo che la deontologia chiamerebbe in causa, il suo telefono squilla anche al di fuori dell’orario lavorativo e sono proprio quei ragazzi disabili che lei vive giornalmente, o le loro famiglie, a manifestare il bisogno di lei.
Così come lei il bisogno di loro.
Questo è l’insegnamento più prezioso che sempre custodirò e che cercherò di trasmettere a mia figlia Lucrezia attraverso la mia azione e attraverso la realtà che insieme a Vito Monti, Vicepresidente dell’Ass.ne e presente domani all’evento, ho voluto con convinzione e determinazione costruire: #IoCosì.
La Presidente
Sara Manfuso

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604