L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il vice questore aggiunto Carlo Bianchi Il vice questore aggiunto Carlo Bianchi

«Enorme portata del fenomeno. La domanda supera l’offerta. Gli effetti collaterali non solo sulla salute»

Il vice questore Carlo Bianchi commenta così l’operazione antidroga, il fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti nonché i rischi che ne conseguono: «Abbiamo smantellato una vera e propria associazione radicata nel cassinate, tant’è che la base logistica era proprio nell’hinterland della città Martire. Infatti, la DDA di Roma contesta agli indagati il reato associativo. I rifornimenti, invece, avvenivano nel napoletano. L’attività di oggi (ieri per chi legge, ndr.) altro non è che l’ottimo lavoro di squadra e di collaborazione non solo tra Polizia e Carabinieri ma anche tra la Procura di Cassino, nella persona del pm Roberto Bulgarini Nomi, e i magistrati della Distrettuale Antimafia capitolina, competenti per il titolo di reato. L’operazione conferma i nostri sospetti e quindi l’enorme portata del fenomeno legato allo spaccio e all’uso di sostanze stupefacenti. In altre parole, la domanda arriva a superare l’offerta: c’è una vera e propria speculazione. Gli effetti collaterali non sono dannosi solo per la salute, ma pesano anche sul bilancio economico degli assuntori. Per non parlare poi di tutti i reati collaterali allo spaccio, come furti e rapine, che vengono commessi da chi non avendo grosse disponibilità economiche cerca le “risorse” altrove e quindi delinque. Basti pensare che gli assuntori spendono mediamente tra i 20 ed i 30 euro al giorno per acquistare la cocaina. E’ importante l’attività di contrasto per cercare di arginare il più possibile il fenomeno, ma è indispensabile anche il lavoro di prevenzione che quotidianamente noi forze di polizia svolgiamo anche nelle scuole. Informare i giovani sulle conseguenze per la salute è estremamente importante. Così come far conoscere ai ragazzi le conseguenze penalmente rilevanti per spacciatori e assuntori. La cultura alla legalità e quindi l’informazione devono camminare di pari passo con le nostre attività di contrasto. Solo in questo modo si possono limitare i rischi e contenere gli effetti».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604