L'Inchiesta Quotidiano OnLine
L'Ufficio Anagrafe chiuso al pubblico dopo il furto L'Ufficio Anagrafe chiuso al pubblico dopo il furto

Furto in Comune. Smantellate due casseforti, portati via spiccioli e carte d’identità in bianco

Erano almeno in tre, tutti incappucciati, i ladri che nella notte tra giovedì e ieri si sono introdotti in Comune, a Roccasecca, ed hanno messo a segno un furto. Magro il bottino: poche centinaia di euro - secondo i ben informati - ma tanti danni. Oltre a decine di carte d’identità in bianco. Infatti, ieri mattina l’Ufficio Anagrafe è stato costretto alla chiusura. Rilievi dei carabinieri della Stazione che hanno già acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza. Il sindaco Giuseppe Sacco formalizzerà la denuncia in queste ore. L’inventario è stato già stilato, ma sulla denuncia, ieri pomeriggio, mancava la firma del primo cittadino. Saranno i militari del capitano Tamara Nicolai ad individuare i responsabili del furto che con una facilità unica sono riusciti ad entrare in Comune, a smantellare due casseforti e ad allontanarsi indisturbatamente. Lì in pieno centro cittadino, nella piazza principale a taglio strada. Complice il buio della notte e le strade deserte.
Stando alle immagini delle telecamere, i tre, ma non si esclude la complicità di altre persone, sono entrati in azione intorno alla mezzanotte. Armati fino ai denti, non di pistole, ma di attrezzi da lavoro. Infatti, i forzieri sono stati completamente smantellati nel giro di alcune ore. 
I ladri sono entrati da una finestra laterale del Municipio e una volta all’interno hanno girato tutte le stanze. Con molta probabilità cercavano solo i soldi, anche se ormai è risaputo che di liquidità nei Comuni ce n’è davvero poca. Dopo aver individuato le casseforti, si sono messi all’opera per aprirle. La delusione sarà stata tanta quando hanno scoperto che sarebbero usciti con le tasche quasi vuote, ma con diverse carte d’identità. Di sicuro i ladri hanno avuto accesso anche a qualche cartella con i dati sensibili dei cittadini e a qualche pratica dello stesso Ente. 
Ad accorgersi del furto sono stati i dipendenti che hanno preso servizio ieri mattina. Immediata la richiesta di intervento ai carabinieri: sul posto per il sopralluogo è giunto il luogotenente Salvatore Pletto con i suoi collaboratori.
Un’indagine complessa per gli investigatori che dovranno dare un nome ai ladri e cercare di rintracciare i documenti con identità “pulite” ma falsi.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604