L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Palazzetto Palazzetto

Cassino, la piscina comunale lascia il posto al nuovo Palazzetto

Questa potrebbe essere la volta buona per mettere fine allo scempio che da quarant’anni a due passi dal glorioso “Gino Salveti” di Cassino. Lo scandalo è ovviamente lo scheletro di quella che doveva essere la piscina comunale ma si è fermata molto (ma prima) di essere mai finita. Negli anni le voci su un possibile recupero si sono sempre rincorse ma non hanno portato mai a nulla. Questa volta potrebbe essere diverso perché c’è l’esigenza seria di un nuovo palazzetto della sport a Cassino e ci potrebbero essere privati pronti ad investire. In attesa che qualcuno si faccia vivo, ieri mattina sull'Albo Pretorio del comune di Cassino è stata pubblicata la delibera della giunta comunale quale atto di indirizzo al dirigente dell'area tecnica per la manifestazione di interesse alla gestione dell'area dell'ex piscina comunale ai fini della realizzazione di un palazzo dello sport, spettacolo e cultura su iniziativa privata. La delibera è stata fortemente voluta dal sindaco di Cassino ingegner Carlo Maria D'Alessandro e dal consigliere comunale delegato allo sport Carmine Di Mambro, che già da tempo hanno messo in piedi tutte le procedure necessarie per arrivare a questo risultato. «E' un altro tassello che si aggiunge agli obiettivi raggiunti di fine mandato che ci eravamo preposti - precisa il sindaco D’Alessandro - a dimostrazione che siamo giornalmente impegnati nel portare avanti un mandato amministrativo importante in cui lo sport, la cultura e lo spettacolo non sono relegati ad attività secondarie. La presenza di una società sportiva che milita nel campionato di Serie A2 di basket rafforza la nostra convinzione che sia necessario realizzare quest'opera su iniziativa privata». «L'ennesimo risultato che conferma che il lavoro paga - conclude il consigliere Di Mambro - con l'obiettivo specifico di creare quella Cittadella Dello Sport che ha sempre fatto parte del nostro programma elettorale e su cui fin da subito mi sono impegnato a fianco del sindaco». «Ora tutto passa nelle mani dell'imprenditoria cassinate e sulla iniziativa privata per la realizzazione di un'opera pubblica che la città aspetta da decenni e di cui questo è il primo pilastro fondamentale realizzato dall'amministrazione D'Alessandro» conclude la nota stampa inviata da Piazza De Gasperi. Come già accennato lo scheletro non verrà mai terminato per essere utilizzato come piscina comunale. Un punto chiaramente evidenziato nella relazione tecnica allegata alla delibera di Giunta: “Nel territorio comunale insistono diversi immobili destinati a piscina sia coperta che scoperta mentre è carente di un struttura polivalente, sia per lo sport, adeguato ad ospitare eventi agonistici di livello nazionale, e sia per it tempo libero ed eventi culturali”. Da qui l’esigenza di “ampliare l'offerta delle strutture sportive attualmente disponibili con la costruzione di un "Palazzetto dello Sport, tempo libero e cultura" riconvertendo l'area oggi occupata dal manufatto in c.a., opera incompiuta e, così, nel contempo riqualificare sia urbanisticamente e sia ambientalmente tutto il contesto sportivo in Via Appia” Il Comune però “non ha la disponibilità finanziaria per la costruzione di un nuovo immobile e la sua gestione” e quindi l’unica soluzione è quella di puntare ad “interventi di evidenza pubblica in finanza di progetto, sui beni disponibili [...] con la costruzione di un "Palazzetto dello Sport, tempo libero e cultura" riconvertendo l'area oggi occupata dal manufatto in cemento armato, opera incompiuta che avrebbe dovuto ospitare la piscina comunale coperta, e, così, nel contempo riqualificare sia urbanisticamente e sia ambientalmente tutto il contesto sportivo in Via Appia 3». Un progetto sul quale l’amministrazione comunale dovrebbe trovare anche l’appoggio della Lega visto che era uno dei punti su cui il Carroccio è pronto a dare il proprio appoggio esterno per la realizzazione di opere per la città. Voto favorevole che potrebbe essere condiviso da tutto il Consiglio comunale.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604