L'Inchiesta Quotidiano OnLine
La conferenza stampa La conferenza stampa

Orientamento. Unicas non cerca solo iscritti, ma laureati certi

Alice Iannaccone, Valentina Ciambrone, Marco Cervi, Awanish Saraf. Sono solo alcuni dei volti sorridenti di studenti e laureati a Cassino che compaiono nella campagna pubblicitaria della nona edizione di Unicas Career Day e di Unicas Orienta. Sono loro i testimonial dei due eventi che si terranno nelle giornate del 13 e 14 marzo 2019. La presentazione del programma di orientamento in ingresso e in uscita è stato un evento nell’evento: un aperitivo nel ristorante Amadeno. Un appuntamento serale con la stampa, nel quale il rettore Giovanni Betta e i tre professori Francesco Ferrante (pro Rettore al Job Placement, alla creazione d’impresa e agli spin off), Francesco Misiti (presidente del Cuori) e Alessandro Silvestri (presidente di Alaclam) hanno svelato le novità di questa edizione che giunge in un momento a dir poco convulso per l’ateneo. Unicas, infatti, l’11 marzo accoglierà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con tutto il carico organizzativo che ne consegue e, contestualmente, ci sono anche, in pieno svolgimento, le celebrazioni benedettine nel 75° anniversario dalla distruzione di Cassino e Montecassino. Insomma, mettere a sistema due giorni che prevedono la presenza di migliaia di studenti e di un centinaio di aziende che occuperanno i loro stand nella Palazzina degli Studi è quasi un’impresa titanica. Che arriva dopo anni di training in questo senso. «In passato esisteva pochissimo orientamento e zero placement - ha sottolineato il rettore Betta -. Questo vuol dire aver fatto progressi enormi. Come orientamento cerchiamo di offrire ai ragazzi delle scuole superiori di comprendere bene cosa c’è dietro l’etichetta dei corsi. Questo perché non vogliamo attirare iscritti, ma vogliamo avere dei laureati certi, quindi studenti consapevoli delle proprie scelte. Per quanto riguarda l’orientamento in uscita, abbiamo iniziato nove anni fa con pochissime imprese, adesso siamo arrivati quasi a cento aziende che concorrono con noi a fare del Career Day un evento di successo, che si è arrichito negli ultimi tempi della presenza di Porta Futuro. Dunque, abbiamo messo a sistema scuola, università, regione, aziende». Il professor Ferrante, che è un’autorità (internazionale) in materia di job placement, ha spiegato quanto sia importante «aiutare i ragazzi a realizzarsi,  anche al di là di quello che è l’inserimento. Si parte dall’orientamento in ingresso, ma poi bisogna dare una visione d’insieme ai giovani, perché chi sceglie deve avere un quadro completo delle prospettive e lo sforzo che facciamo è nell’organizzare indicazioni sugli scenari anche internazionali del mercato del lavoro. Non solo a breve termine, perché le scelte non devono essere legate a ciò che abbiamo ora, ma essere proiettate nel lungo periodo, capendo dove andrà il mondo». Il presidente del Cuori, che ha in carico Unicas Orienta, è il professor Misiti, che ha preso il testimone dal professor Maurizio Esposito. «I nostri interlocutori principali - ha sottolineato Misiti - sono i ragazzi dell’ultimo anno, ma adesso stiamo cercando di intercettare anche quelli di quarto. E’ un impegno difficile, che dà l’immagine di quello che è l’università in tutte le sue declinazioni: struttura del corso, obiettivi, prospettive future.  Ci chiedono, il più delle volte, quali saranno gli sbocchi lavorativi. E quindi coinvolgiamo gli studenti anche in attività pratiche, nei laboratori e nelle palestre, come nella ricerca. La novità rispetto agli altri anni (la formula vincente non si cambia) è il potenziamento tra i nostri laureati triennali e i ragazzi future matricole. Uno scambio informazioni tra pari che sicuramente avrà un impatto molto positivo«. Il presidente dell’associazione laureati Unicas, il professor Silvestri, ha invece spiegato che nel Career Day 2019 sono confermate le presenze di tanti stakeholder e di tante aziende, così come il Premio all’assunzione. «I numeri sono molto interessanti.Abbiamo anche la novità del contest lanciato dall’ufficio stampa e comunicazione “Dai un volto all’ateneo” rivolto a studenti e a laureati che campeggiano, infatti, sul materiale informativo. Infine, rilanciato il merchandising d’ateneo e quindi ci saranno felpe, magliette, gadgets con il brand Unicas». Infine, una chiusa orgogliosa di Betta: «Negli stand è sempre un piacere, una grande soddisfazione trovare i nostri laureati, in profili anche d’eccellenza. Basti ricordare che la governance attuale di Skf è tutta cassinate. Anzi, Unicas».   

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604