L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Ariaudo in azione (foto Frosinonecalcio.com) Ariaudo in azione (foto Frosinonecalcio.com)

Cagliari-Frosinone 1-0, giallazzurri ad un passo dalla B

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Ceppitelli, Klavan (16' st Romagna), Lykogiannis; Faragò, Cigarini, Ionita; Birsa (28' st Padoin); Joao Pedro (39' st Deiola), Pavoletti. 

A disposizione: Aresti, Rafael, Leverbe,  Bradaric, Oliva, Cerri, Despodov, Thereau.
Allenatore: Rolando Maran.

Frosinone (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Zampano(17'st Pinamonti), Paganini, Maiello, Valzania (35'st Trotta), Beghetto; Ciano, Ciofani (30'st Dionisi). 

A disposizione: Bardi, Krajnc, Molinaro, Simic, Gori, Brighenti, Ghiglione, Sammarco.
Allenatore: Marco Baroni.

Arbitro: Abisso di Palermo 

Assistenti: Passeri - Pagnotta

IV uomo: Serra  Var: Piccinini Avar: Paganessi

Marcatori: 26 'pt rig. Joao Pedro (CA)

Ammoniti: Faragò (CA), Joao Pedro (CA), Ciano (FR).

Espulso: al 34' st Faragò per doppia ammonizione (CA).

Sconfitta che sa sempre più di retrocessione. Così possiamo sintetizzare in chiave giallazzurra le conseguenze innescate dal ko di misura rimediato oggi pomeriggio alla Sardegna Arena contro il Cagliari. Un verdetto dolente che condanna, di fatto, il Frosinone al ritorno in Serie B. Troppe le dieci lunghezze di distacco dalla quartultima posizione occupata dall'Udinese quando ormai mancano appena cinque giornate al termine della stagione. A decidere l'incontro la marcatura siglata al 26' del primo tempo da Joao Pedro su calcio di rigore a seguito di un netto fallo di Zampano su Ionita. Dopo lo svantaggio la truppa di Baroni prova a reagire, senza però creare grossi problemi alle retroguardia rossoblù. Queste le parole rilasciate nel post gara dal tecnico canarino: «Per noi non era facile gestire bene la palla ma lo abbiamo fatto e quando ci siamo riusciti siamo stati pericolosi. Sapevamo che nel primo tempo loro sarebbero stati pericolosi perchè solitamente in casa hanno sempre un buon ritmo. Forse senza l'ingenuità del rigore potevamo andare al riposo con un risultato diverso. Ho dato un'occhiata alla classifica ma noi non dobbiamo guardarla, dobbiamo pensare gara dopo gara e batterci come abbiamo fatto oggi portando a casa più punti possibili. Questo è il nostro obiettivo. L'obiettivo minimo deve essere quello di portare a casa più punti possibili perchè lo dobbiamo a tifosi e società. E' doveroso dare tutto e provare a migliorare. La squadra è stata in campo con attenzione e l'avevamo preparata bene. Purtroppo paghiamo sempre a caro prezzo le disattenzioni che commettiamo. Dobbiamo rimanere attaccati al campionato e alle prestazioni per la nostra crescita». 

 

 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604