L'Inchiesta Quotidiano OnLine

CALEIDOSCOPIO RUBRICA A CURA DELL’ASSOCIAZIONE PENTACROMO

Roma è per me un’ idea come un’ altra, tanto per dirla come Paolo Conte che cantava «Genova dicevo è un’ idea come un’ altra …». Ho frequentato costantemente Roma soggiornandovi per qualche anno all’epoca degli studi universitari. Torno a Roma sempre più raramente e ogni volta inspiegabilmente rivivo il passato. Non riesco a cogliere il presente senza che il ricordo prenda il sopravvento. Così, quasi di incanto, mi rivedo giovane, mentre solitario vago tra le piazze, i vicoli e gli angoli di Roma nelle magiche sere tra il finire della primavera e l’ inizio dell’estate. Era realmente così Roma, così come io la “sentivo”? Il mondo fuori di noi è come lo “sentiamo” (intendo in senso emotivo), non come lo vediamo realmente. «La mia vita è nell’idea», non ricordo chi lo diceva, ma penso anch’io la stessa cosa. La mia idea di Roma condiziona notevolmente i miei sensi, la mia vista per esempio. Posso chiudere gli occhi e “vederla” lo stesso Roma. Il mondo esterno “visto” attraverso l’anima, viene filtrato e rielaborato intimamente fino ad apparire modificato ai nostri occhi. Ebbene sì, ho vissuto Roma tra sogno e realtà, quasi in una dimensione visionaria, e di questo mi sono sempre ritenuto fortunato. La capacità di estraniarmi anche quando Roma agli altri appariva caotica (perché lo era), me l’ha fatta sembrare bella, più di quanto non lo fosse già. Un po’ come Federico Fellini ricordava la sua Rimini in Amarcord, pressoché allo stesso modo io ricordo la “mia” Roma. Mi vengono alla mente situazioni che a raccontarle forse perdono l’intensità e la magia del momento. Settembre 1981, Abel Gance, regista importante della cinematografia mondiale, venne celebrato a Roma con la presentazione del suo capolavoro “Napoleon”, proiettato all’aperto negli spazi compresi tra il Colosseo e l’Arco di Costantino  in occasione del Massenzio, celebre rassegna cinematografica della capitale. Tre grandi schermi e poco davanti l’orchestra che suonava dal vivo. Tra il pubblico erano presenti personalità del mondo della cultura, della politica, delle istituzioni: Danielle Mitterand, l’allora sindaco di Roma Luigi Petroselli, il Presidente del Senato Spadolini, Enrico Berlinguer ed altri. Piovve improvvisamente ed inaspettatamente, ma per fortuna dopo mezz’ora si ristabilì il tempo e riprendemmo a vedere il film. Serata memorabile, emozionante, di grande atmosfera. Fummo “inglobati” dai grandi schermi come in un abbraccio gigantesco che ci fece sentire tutti una sola cosa. La musica dell’orchestra, una vera delizia per i nostri orecchi e per il nostro cuore. Quella sera Roma fu splendida. La pioggia che cadde sembrò quasi una benedizione e ci sentimmo felici di essere lì, in quell’ attimo di eternità irripetibile, tra le antichità della città più bella del mondo. Aspettammo che il grosso della folla si diradasse fino a scomparire e, solo allora, decidemmo di allontanarci. Eravamo pochi amici e alla fine restammo io e Mario Maraone. Cominciammo a canticchiare “When The Saints Go Marching In”, improvvisando un canto a due voci (cosiddetto armonico), riuscendo ad ottenere un piacevole risultato. Ci accorgemmo di non essere più soli perché qualcuno aveva applaudito la nostra esibizione. Incoraggiati, continuammo a cantare accompagnati dal battere ritmico delle mani del nostro “pubblico”, sempre più coinvolto e partecipe. Mario aveva la musica nelle vene, era contagiante il suo amore per la musica ed io volentieri lo seguivo nelle sue estemporanee performance canore. Esausti, tornammo ognuno a casa propria, contenti per aver trascorso una bella e indimenticabile serata nel cuore di Roma.
Danilo Salvucci

Coordinatore: Danilo Salvucci
danilo.salvucci@tin.it
339.6676812

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604