L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Mario Antonellis, leader della lotta dei movimenti per l'acqua pubblica

Ato5, multa ad Acea per violazione del codice del consumo. Antonellis diffida i sindaci: non ascoltino il gestore

Multe da 6,8 milioni di euro per Acea Ato5 S.p.A., Abbanoa S.p.A. e Publiacqua S.p.A. decise dall'Antitrust che ha concluso i procedimenti nei confronti delle municipalizzate, attive rispettivamente nel Lazio Meridionale-Frosinone, in Sardegna e in provincia di Firenze, per violazione del codice del consumo. L'Authority, a seguito di numerose segnalazioni da parte degli utenti, ha avviato tre distinte istruttorie da cui è emerso che "i tre professionisti hanno posto in essere pratiche commerciali aggressive".

Nello specifico, le condotte sotto accusa sono "l'inadeguata gestione dei reclami degli utenti (risposte tardive o non risolutive) e mancata sospensione delle procedure di riscossione degli importi contestati e di distacco della fornitura (Acea Ato5)"; "il mancato trattamento delle istanze di prescrizione relative a fatture risalenti a oltre cinque anni dalla data del consumo o mancato riconoscimento della stessa, a causa della non corretta individuazione del termine di decorrenza della prescrizione (Abbanoa, Acea Ato 5); la "mancata gestione delle istanze di rettifica delle fatture in presenza di perdite idriche occulte (Abbanoa e Acea Ato 5)"; infine, "nella riscossione delle fatture relative ai consumi idrici delle utenze condominiali, indebito condizionamento dei condòmini solventi in presenza di morosità di uno o più condòmini, nonostante l'esistenza di contatori individuali e in presenza di pagamenti parziali delle fatture, con minaccia di riduzione del flusso e quindi di sospensione della fornitura idrica a tutto il condominio (Publiacqua).

Intanto il Coordinamento Acqua Pubblica Frosinone ha diffidato formalmente i Sindaci dell’ATO5 e la S.T.O. ad attuare provvedimenti di adesione "alla scandalosa richiesta fatta pervenire da ACEA a tutti i Comuni, indirizzata anche per conoscenza, all’Autorità d’ambito, all’OTUC e al Prefetto" che definisce un ambito minimo per il divieto di distacchi e di disalimentazione e intende scoraggiare l'emanazione delle ordinanze comunali anti-distacchi. La diffida è stata resa nota dal portavoce Mario Antonellis: ampio servizio su L'inchiesta - Quotidiano oggi nelle edicole.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604