L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Un tratto della via Casilina a Castrocielo  Un tratto della via Casilina a Castrocielo

Castrocielo, piante di pino sulla Casilina: lettera di Materiale all’Anas

Continua senza conoscere soste il rapporto epistolare tra il sindaco di Castrocielo Filippo Materiale e l’Anas spa che, come è noto, a partire dallo scorso mese di  febbraio, è tornata ad essere l’ente che gestisce la manutenzione della strada Statale n. 6 Casilina, prendendo il posto dell’Astral. E ancora una volta il primo cittadino di Castrocielo prende carta e penna per segnalare una situazione non propriamente idilliaca. «Si segnala lo stato di degrado e di pericolo del tratto della Casilina che attraversa il comune di Castrocielo - così inizia la missiva che reca la firma del sindaco di Castrocielo e del responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale Giuseppe Evangelista -. L’arteria, infatti, è attualmente fiancheggiata da n. 15 grosse piante di pino nel lato destro e da n. 10 nel lato sinistro. Queste piante, vuoi per la grossa e pesantissima chioma, vuoi per le radici superficiali, costituiscono da sole un pericolo incombente per il traffico veicolare. Inoltre dai rami che si protendono fino al limite di mezzeria possono staccarsi le pigne e abbattersi sui parabrezza delle macchine o sui guidatori delle due ruote. Le conseguenze non ci vuole molto ad immaginarle. Ma c’è di più. I fenomeni meteorologici estremi (venti forti, precipitazioni copiose, grandinate ecc.), sempre più frequenti, possono far rovinare quelle grosse piante di pino sulla carreggiata e causare tragedie. Si aggiunge il manto di asfalto rigonfiato e sconnesso in più punti, pericoloso per deterioramento, per vetustà, non di rado a causa delle radici dei pini, che hanno attraversato il fosso di scolo e si sono incuneate sotto l’asfalto. Quei pini sono stati messi a dimora dall’Anas oltre sessanta/settant’anni fa sul ciglio esterno del fosso. Sembra chiaramente ad occhio nudo che abbiano compiuto il loro ciclo vitale. Molti sono inclinati o sul lato o sulla carreggiata stradale. Quancuno verso l’interno del fondo. Vanno messi immediatamente in sicurezza: eliminati o potati radicalmente, con il taglio di tutti i rami che si protendono sulla carreggiata stradale. L’allegata relazione della Polizia Locale va proprio in questa direzione. Il Comune richiede espressamente anche un urgente sopralluogo congiunto con codesta Anas, subentrata ora all’Astral, nel tratto della rete stradale SS. n. 6 Casilina che lo attraversa, per constatare de visu quanto rappresentato - così si conclude la lettera - e per programmare gli interventi, a cominciare da quelli più urgenti».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604