L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Giuseppe Pizzuti Giuseppe Pizzuti

Tabelle autostradali, Giuseppe Pizzuti (Lega): il nome di Alatri al fianco di Ferentino alle uscite dell'A1

Quelle "Vie dello sviluppo", ovvero quelle nuove strutture che forse non hanno ancora favorito la crescita economica e sociale del territorio. Superstrada Sora-Ferentino, Casello autostradale di Ferentino, bretella per il mare furono salutate con entusiasmo e clamore. Dovevano essere se non la panacea per tutti i mali del territorio, ma, comunque un buon viatico per il futuro. A distanza di dieci anni, però, complice la crisi economica! Con la costruzione del cavalcavia in località Le Pigne ad Alatri ci si augurava che il territorio (non soltanto Alatri, ma anche gli altri centri viciniori) potesse uscire dall'oblio. La superstrada Sora-Ferentino non avrebbe soltanto alleggerito il traffico caotico che intasava il capoluogo (innesto della Sr.155 in località Madonna della Neve e proseguimento per la Monti Lepini). Il casello autostradale di Ferentino al quale la superstrada si collega sarebbe dovuta diventare tramite una complementare una porta d'accesso alla "Via del Mare". Insomma una grande direttrice che tramite la superstrada Sora-Avezzano e la Sora-Ferentino e la complementare per il mare avrebbe dovuto collegare l'Adriatico e il Tirreno, con conseguenti benefici per l'economia ciociara.
Mentre la Lega torna a chiedere di aggiungere il nome di Alatri a fianco di Ferentino nei cartelli del casello autostradale. A detta di Giuseppe Pizzuti, esponente della Lega: «Alatri, circa 30mila abitanti e terza città della provincia, uno dei riferimenti per arte, cultura e storia. Aggiungere il nome è di vitale importanza. Per questo dapprima come Lega, per poi estenderla ai consiglieri comunali di opposizione, abbiamo chiesto un ordine del giorno nel quale impegnare il sindaco a porre in essere tutte le procedure con Autostrade per l'Italia e Ministero dei trasporti».  L'esponente della Lega interviene anche sulle vie di sviluppo: «Per il modello infrastrutturale che avrebbe dovuto dare vita alla via del Mare, occorre istituire un tavolo provinciale che si faccia promotore di tale richiesta, ma prima dovremmo interrogarci se l'attuale sistema amministrativo dopo l'abolizione delle province, possa concretamente sostenere questa tipologia di richieste».
Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Cianfrocca già consigliere comunale di Alatri: «Oltre alla crisi economica ci sono evidenti lacune nelle infrastrutture che hanno limitato i benefici di questi interventi. Il collegamento Tirreno-Adriatico non sarà mai tale se non si completa la superstrada a Sora per evitare il passaggio al centro della città. La strada per il mare, a parte l'inadeguatezza delle carreggiate progettate 30 anni prima, non sarà mai un vantaggio causa l'enorme traffico che si incontra sulla Monti Lepini. Per i vantaggi della superstrada almeno per il tratto di Alatri bisogna evidenziare come gli strumenti urbanistici inadeguati hanno impedito la nascita di insediamenti commerciali, industriali e artigianali che avrebbero potuto potenziare la nostra città e la sua economia».
Per Fabrizio Girolami studioso di storia locale: «Un'opportunità persa per il territorio ciociaro la mancata realizzazione di un sistema di viabilità integrato (autostradale, superstradale e via del Mare). Avrebbe consentito indiscutibili benefici non soltanto economici ma anche di un turismo ecosostenibile. La Ciociaria rischia un isolamento, nonostante le indiscutibili bellezze artistiche e storiche che possiede, come il turismo religioso rappresentato dalle Abbazie di Casamari e di Sora e della Certosa di Trisulti».
Bruno Gatta

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604