L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Maurizio Tivinio Maurizio Tivinio

Sora e la polemica sui migranti, il sostegno a don Donato giunge da Tivinio (Fratelli d'Italia) e Tuccillo (Forza Nuova)

Così ha detto Don Donato Piacentini, nell'omelia della festa di San Rocco a Sora, sollevando una polemica nazionale ripresa oggi da tutti i media: conscio di essere «polemico» - ha esordito - queste persone bisognose «non sono sulle navi che si vanno a soccorrere. Non sono coloro che hanno telefonini oppure catenine al collo e dicono di venire dalle persecuzioni. Quali persecuzioni?». Questa la frase che ha scatenato il putiferio ed ha fatto rispolverare un post di solidarioetà a Salvini scritto da don Donato nel luglio del 2018 sempre sull'immigrazione e di condivisione della politica anti-sbarchi del leader della Lega.

In precedenti lanci abbiamo dato conto della posizione del vescovo Antonazzo e dellì'associazione Aspagorà favporevoli all'accoglienza. Ma da destra sono giunte dichiarazioni di sostegno al sacerdote sorano. E' il caso del dirigente provinciale di Fratelli d'Italia, Maurizio Tivinio: "Quanta ipocrisia,quanta falsità esiste sulla faccia della terrà: tutti scandalizzati perché un sacerdote don Donato Piacentini della diocesi di Sora durante l’omelia per la festa di San Rocco ha detto che bisogna aiutare i poveri italiani e che la maggior parte dei migranti che vengono in Italia non scappano dalle guerre. Mi rivolgo alle persone che urlano allo scandalo alla vergogna andate nel vostro Comune e presentate la domanda per adottare a vostre spese un emigrato".

Marco Tuccillo (Responsabile locale Forza Nuova) commenta così: "Noi stiamo con Don Donato, un parroco che si rifà al cristianesimo cattolico pienamente, seguendo la via sociale che abbraccia gli italiani in difficoltà, purtroppo, abbandonati dalle istituzioni e da tutte le realtà fautrici del business accoglienza. Il neoschiavismo capitalistico delle ONG, e dei mercanti a loro capo, sta distruggendo lo stato sociale italiano affossando in tutti i modi il ceto medio/medio-basso e Don Donato, tutto ciò, lo ha compreso benissimo. Auspichiamo che uomini come Don Donato nascano ogni giorno e se dovessero già esserci che uscissero allo scoperto per denunciare le forze antinazionali e anticristiane del mondialismo."
 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604