L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Expert a Piedimonte San Germano Expert a Piedimonte San Germano

Ladri a caccia di pc. Colpo grosso a Expert

Ora non è più solo allarme. L’ondata di furti che negli ultimi mesi si registra in Ciociaria ha generato una vera e propria psicosi tra la gente, ma anche tra i commercianti e gli istituti di credito. Se le statistiche, alla voce furti e rapine, vedono scivolare in fondo alla classifica la provincia di Frosinone, ritenuta tra le più sicure in Italia, il grado di percezione della popolazione sale in maniera inversamente proporzionale. E’ l’effetto dell’escalation di furti. Nonostante i servizi di prevenzione delle forze di polizia. Ma il fenomeno è tra i più difficili da arginare. 
Stavolta il colpo grosso è stato messo a segno a Piedimonte San Germano ai danni di Expert. I malviventi, almeno quattro, hanno portato via 14 personal computer per un valore che si aggira intorno a 12mila euro. A lavoro, dall’alba di ieri, ci sono i militari della Compagnia di Cassino che stanno raccogliendo tutti gli elementi utili per risalire alla banda di ladri. 
Secondo quanto emerso finora, i malviventi, almeno quattro persone, hanno usato un Fiat Doblò bianco, ora sotto sequestro per i rilievi, rubato a Palinuro (Salerno) a metà agosto, per sfondare la vetrina dell’attività commerciale che si trova lungo la via Casilina. In tempi rapidi, meno di 10 minuti, sono entrati all’interno ed hanno arraffato i pc. Poi li hanno caricati su una Bmw station wagon e sono fuggiti via, riuscendo a seminare le pattuglie che, nel frattempo, si erano messe sulle tracce della potente auto. La banda non ha preso altro: proprio per la tipologia di materiale high tech portato via è probabile che il furto fosse su commissione. I carabinieri, nel frattempo, hanno svolto un accurato sopralluogo ed hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza. Si lavora anche sulle telecamere dei caselli autostradali e altre arterie nonché sulle celle telefoniche. Oltre al valore del bottino, Expert ha subito ingenti danni e ieri stesso a provveduto alle riparazioni. Un ulteriore danno all’economia locale, in un territorio già particolarmente sofferente. 

***  
Da nord a sud della provincia, si registrano furti nelle abitazioni, furti di gasolio e batterie per veicoli, furti d’auto, nelle attività commerciali, scippi ma anche colpi ai danni dei bancomat (messi a segno o tentativi di furto). In particolare, il 7 agosto scorso è stata assaltata la filiale della BPC di Cassino. Prima ancora erano stati presi di mira i bancomat di Sant’Angelo in Theodice, sempre a Cassino, e di Roccasecca. C’è chi può “investire” in difesa passiva (impianti di videosorveglianza, sisteimi di allarme, inferriate, eccetera) e chi è costretto a subire.  

DA L'INCHIESTA QUOTIDIANO, OGGI IN EDICOLA               

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604