L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Il cancello presidiato da sindacati a lavoratori in questi momenti a Piedimonte San Germano

Tragedia alla Fca di Piedimonte San Germano, documento dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil

Sconcerto tra i lavoratori dopo la morte avvenuta stanotte al reparto presse di un tecnico di 39 anni di Pontecorvo. Un capannello di lavoratori e sindacalisti ha presidiato l'ingresso dello stabilimento riservato alle forniture di pezzi per le linee di montaggio. Presenti i rappresentanti di tutte le confederazioni per una giornata che è di lutto per il mondo del lavoro.

Anselmo Briganti CGIL, Enrico Capuano CISL ed Anita Tarquini UIL insieme a GGIL - CISL e UIL del Lazio commentano, purtroppo, i gravi fatti accaduti stanotte nello stabilimento ciociaro di FCA. "Un altro incidente mortale sul lavoro. L'ennesimo. Questa volta è capitato a Piedimonte San Germano, nello stabilimento della FCA. Fabrizio Greco aveva solo 39 anni. Ne avrebbe compiuti 40 tra pochi giorni. Siamo sconvolti e profondamente addolorati. Alla luce di questa ennesima tragedia, siamo sempre più convinti che il tema della sicurezza sul lavoro sia il problema numero uno, in particolar modo nel Lazio, una regione in cui il numero degli infortuni e degli incidenti mortali è pari a un bollettino di guerra. Colpisce, ulteriormente, che questo incidente sia avvenuto in uno stabilimento che dovrebbe rappresentare un fiore all’occhiello dell’industria italiana, all’avanguardia per tecnologie adottate, processi produttivi avanzati, formazione".

"Nonostante ciò, proprio pochi giorni fa, dei delegati sindacali avevano lanciato un allarme sicurezza. Un dettaglio che alla luce di questa tragedia risulta ancora più spaventoso. E che deve far riflettere. Aziende, istituzioni, cittadini. Nel 2019 non si può, non si deve morire di lavoro. Certi che la magistratura farà luce sulla dinamica dell'incidente accertandone le cause, esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza alla famiglia e ai colleghi di Fabrizio, che stanno scioperando in segno di lutto e protesta".

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604