L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Morto durante il turno di notte, gli indagati salgono a cinque

Sale a cinque il numero degli indagati per la morte di Fabrizio Greco. Il pm Valentina Maisto che già martedì aveva iscritto nel registro il collega della vittima (come riportato in esclusiva ieri su queste colonne) al termine di ulteriori accertamenti, ha indagato altre quattro persone tra dirigenti e responsabili di FCA. Entrando nel merito degli incarichi e dei ruoli, allo stato risultano iscritti nel registro: il datore di lavoro (ossia Press Shop & Dies, controllata da FCA); il dirigente delegato alla sicurezza; il capo squadra del turno 22/06 (il collega - come riportato ieri); il responsabile della manutenzione nonché il responsabile della prevenzione e protezione della sicurezza. Un atto dovuto a garanzia degli indagati in considerazione anche dell’autopsia (esame irripetibile) che sarà eseguita oggi pomeriggio. Il conferimento dell’incarico al medico legale Fabio De Giorgio (consulente della Procura della Repubblica di Cassino) sarà conferito alle 14. A seguire l’esame sul corpo del 39enne di Pontecorvo per stabilire quali lesioni abbiano determinato la sua morte. L’autopsia sarà espletata all’obitorio dell’ospedale Santa Scolastica di Cassino dove la salma dell’operaio FCA è giunta martedì mattina. La data delle esequie, invece, sarà fissata solo dopo il nullaosta del sostituto procuratore Valentina Maisto, titolare dell’inchiesta. 
Individuate le prime figure da iscrivere nel registro degli indagati, in questa fase preliminare, le indagini di Spresal e carabinieri proseguono per capire se possano esserci ulteriori responsabilità nell’incidente. Il condizionale è d’obbligo in quanto un quadro più chiaro della tragedia di martedì si avrà solo al termine di tutti i riscontri investigativi. In particolare, finiranno sotto la lente anche aspetti tecnici e di sicurezza del carro ponte. Potrebbero volerci giorni prima di giungere alla ricostruzione completa e dettagliata. Quindi per capire il perché della tragedia avvenuta nel reparto presse a freddo dello stabilimento FCA di Piedimonte San Germano.
Secondo le prime indiscrezioni emerse, Fabrizio intorno alle 3 sarebbe stato colpito alle spalle, all’altezza del collo, dal carro ponte per poi finire a terra. Morto sul colpo. E’ sul perché si sia verificato l’incidente che si stanno concentrando gli inquirenti: Spresal (Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro) di Cassino, diretto dal dottor Alessandro Varone, e carabinieri della Compagnia stanno lavorando ininterrottamente. 
Martedì gli accertamenti ed il sopralluogo sono stati completati intorno alle 22. Ieri mattina, invece, gli inquirenti hanno lavorato su tutta la documentazione acquisita precedentemente. Nel pomeriggio la relazione più dettagliata è stata depositata sulla scrivania del pm che, esaminate le posizioni, ha iscritto anche le altre quattro persone.

DA L'INCHIESTA QUOTIDIANO, OGGI IN EDICOLA

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604