L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Servizio scuolabus, d'ora in poi le famiglie non dovranno coprirne i costi ma potranno farlo i Comuni

“Non a caso il testo venne presentato alla Camera dei Deputati a firma di Enrico Borghi, l’ex presidente nazionale della nostra organizzazione, l’Uncem. Ora arriva finalmente, dopo tre mesi di attesa, la norma che permette ai Comuni di cofinziare, o di pagare interamente, il servizio di scuolabus, senza che siano le famiglie a doverlo interamente coprire. Nel decreto-legge recante “Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti”, varato dal Consiglio dei Ministri, c’è infatti anche quella norma che avevamo richiesto come Uncem già a luglio al precedente Governo. Il decreto non varato a inizio agosto, oggi viene approvato e mette in sicurezza il servizio scuolabus. I Comuni possono cofinanziarlo o interamente coprirlo con proprie risorse di bilancio. Noi di Uncem, grazie a una capacità di veduta non di poco conto del nostro presidente nazionale, Marco Bussone, avevamo chiesto a tutti i Comuni di andare avanti comunque per non danneggiare ulteriormente l’offerta dei comuni montani già fortemente in difficoltà.

"Finalmente nel DL scuola è arrivato quanto chiedevamo. Nel decreto è riportato il testo del disegno di legge presentato alla Camera dei Deputati a firma di Enrico Borghi, deputato, già Presidente Uncem, e della deputata Serracchiani che risolve il problema della copertura finanziaria del servizio scuolabus nei Comuni. Mi associo ai ringraziamenti del nostro presidente Bussone al  viceministro Ascani per l’intervento decisivo e confidiamo, dato il ritardo già accumulato, che il Parlamento vada al più presto a convertire in legge il Decreto”. Lo afferma il presidente di Uncem Lazio, Achille Bellucci

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604