L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Vanessa Scalera protagonista della fiction di RAI 1

Imma Tataranni Sostituto Procuratore e la Questione meridionale

Ve la ricordate la “Questione meridionale”? Tanti anni fa a scuola la chiamavano così la grande differenza tra il Nord Italia ricco, efficiente, produttivo ed il Sud Italia povero, fatiscente, senza prospettive. Si partiva da qui per studiare la storia dell’emigrazione dal Sud verso il Nord Italia, ma non solo: Francia, Svizzera, Germania, Belgio, Stati Uniti ed anche Australia le mete straniere.

Ma nessuno mai ci ha spiegato/insegnato da dove nascesse la Questione meridionale. Si dava per scontato che da sempre c’era stata questa differenza tra le due Italie. In realtà sempre a scuola avevamo studiato anche la Magna Grecia e tutto il resto, ma quel periodo era di gran lunga antecedente e quindi il tempo aveva probabilmente fatto piombare il Meridione in quella situazione di povertà trasformandolo in una Questione. E invece no! Il tempo è sempre galantuomo a differenza di tanti uomini che non lo sono affatto. Sui libri di scuola tuttora NON è riportato quello che successe dopo l’Unità d’Italia quando i Sabaudi acquisirono il Meridione. Stragi, campi di concentramento di cui solo pochi storici si sono occupati, furono il biglietto di benvenuti dei Sabaudi. La popolazione fu falcidiata, deportata, il Sud Italia fu messo in ginocchio. Ma perché ne parliamo oggi? Perché ieri sera, 20 ottobre 2019, è successo qualcosa di insolito: nel corso di una fiction televisiva molto seguita, Imma Tataranni Sostituto Procuratore, in onda su RAI 1, la rete ammiraglia del servizio pubblico televisivo, si è detto quello che da 150 anni i canali ufficiali hanno voluto ignorare: la vera origine della profonda differenza in termini di ricchezza tra Nord e Sud Italia. La protagonista, mentre vede vecchie, famose e “tremende” foto, spiega alla sua collaboratrice che “dopo il 1861 furono massacrati migliaia di meridionali…. Pontelandolfo… Casalduni furono dati alle fiamme per rappresaglia… ordinarono di massacrare tutti gli abitanti. Ma ti rendi conto? Questi ‘galantuomini’ sono finiti nei libri di storia come gli eroi del Risorgimento”. La materana-francese Mariolina Venezia, autrice dei libri da cui è tratta la fiction ha spesso trattato questi temi con coraggio e grande correttezza, ma ancora si continua a far finta di non sapere.

La povertà non si origina per caso, ci sono sempre ragioni ben precise: 150 anni fa furono i massacri dei Sabaudi a dar origine alla grande depressione del Sud Italia, oggi alcune centinaia di milioni di abitanti del Pianeta Terra fanno un utilizzo dissennato delle risorse in modo da far vivere nella povertà miliardi di persone sempre sullo stesso Pianeta Terra. Tutto il resto rientra nella categoria delle disquisizioni, mistificazioni, manipolazioni. Ci pensa poi il tempo a presentare il conto a tutti.

Anna Maria Tedeschi

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604