L'Inchiesta Quotidiano OnLine
L'intervista rilasciata il 25 luglio al videomaker Giorgio Di Folco (canale Tanfuk) L'intervista rilasciata il 25 luglio al videomaker Giorgio Di Folco (canale Tanfuk)

Non fu aggressione: 21enne denunciata per procurato allarme

Il 25 luglio davanti alla telecamera del videomaker Giorgio Di Folco (canale Tanfuk), una 21enne di Cassino dichiarava di essere stata inseguita e bloccata ad un semaforo di Cassino da un extracomunitario che non intendeva rapinarla bensì «voleva me». Quasi ad intendere un ipotetico sequestro di persona. La ragazza, molto provata dall’episodio, invitava il sindaco ad installare le telecamere e a garantire più sicurezza ai cittadini: «non è possibile che una ragazza non possa andare in giro neanche nelle ore pomeridiane. Chiedo tutele e aiuto». Queste erano state le dichiarazioni della giovane cassinate. I carabinieri della Sezione Radiomobile di Cassino, diretti dal tenente Di Mario, avevano subito ricostruito la verità dei fatti ma per circa quattro mesi hanno raccolto prove, escusso testimoni e visionato immagini delle telecamere dei negozi. Ieri hanno chiuso il cerchio, anzi il caso che aveva destato clamore e molta preoccupazione: la 21enne, in parte, mentiva. E’ stata denunciata per “procurato allarme”. Ma nei guai è finito anche il presunto aggressore, deferito alla Procura per “esercizio arbitrario delle proprie ragioni”: il 21enne egiziano avrebbe tentato di fermare la ragazza (che aveva appena procurato un danno all’auto del titolare dell’autolavaggio di via Di Biasio) per chiedere di assumersi le responsabilità e farsi rimborsare. 
La ragazza, inoltre, nel tentativo di sfuggire all’egiziano era finita con l’Alfa 156 contro un Range Rover in viale Dante. Chi era alla guida dovrà rispondere di “autocalunnia”. 
Un racconto surreale, il caso nel caso, ma risolto dai carabinieri.

DA L'INCHIESTA QUOTIDIANO, OGGI IN EDICOLA 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604