L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Gori in azione (foto Frosinonecalcio.com) Gori in azione (foto Frosinonecalcio.com)

Frosinone, Gori verso il rinnovo. Per Paganini la strada si mette in salita

Ore caldissime in casa Frosinone per i rinnovi di Mirko Gori e Luca Paganini. I contratti di entrambi i calciatori classe ’93, prodotti del vivaio canarino, andranno in scadenza il prossimo 30 giugno 2020. Da mesi, ormai, si sta trascinando una pericolosa situazione di stallo che espone la società giallazzurra, nel caso in cui non venisse trovato un accordo, al rischio concreto di perdere i due giocatori a giugno a parametro zero. Ma le dinamiche si stanno evolvendo e pian piano gli scenari iniziano a delinearsi con maggior chiarezza. In risalita le possibilità di permanenza di Gori - Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, infatti, sono in netta risalita le possibilità di permanenza di Gori. Il centrocampista, Ciociaro doc ed originario di Tecchiena, sembra fortemente destinato a prolungare il proprio rapporto con il club in cui è cresciuto. Questione di attaccamento alla maglia e di un richiamo troppo forte. Quel Campanile simbolo di una terra e di una città amate in maniera smisurata. E poi, anche motivazioni ritrovate. Già, perché non ha la porta sbarrata da Alessandro Nesta nonostante la folta concorrenza in organico nella zona nevralgica. Anzi, il “Cobra” è riuscito spesso a ritagliarsi un posto di rilievo nelle gerarchie dell’undici titolare. Per ultimo nella sfida casalinga vinta al cospetto del Chievo Verona e nella quale è stato uno dei migliori in campo. L’accordo, salvo clamorosi ribaltoni, dovrebbe giungere sulla base di un quadriennale con ingaggio simile a quello attuale.

Scenari opposti per Paganini - Il discorso da applicare per Luca Paganini è completamente diverso. Il n.7 del Leone è uno dei calciatori della rosa con maggiore appeal sul mercato. Già la scorsa estate diverse squadre di Serie A sondarono il terreno, senza però riuscire a sferrare l’assalto decisivo. Cagliari e Spal furono le compagini maggiormente vicine. Ora le cose non sono cambiate. L’esterno del Frosinone ha tanti estimatori, di conseguenza servirebbe uno sforzo consistente da parte della società del presidente Maurizio Stirpe per riuscire a trattenerlo. La distanza tra domanda ed offerta è importante. Questo rende inevitabilmente basse, almeno ad oggi, le percentuali di permanenza. La situazione è in stand-by e le prospettive sono due in caso di mancato accordo: partenza a gennaio a prezzo ridotto rispetto al valore reale oppure addio a giugno a parametro zero. Nei prossimi giorni ne sapremo certamente di più.

Roberto De Luca

DA L'INCHIESTA QUOTIDIANO OGGI IN EDICOLA

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604