L'Inchiesta Quotidiano OnLine
La sede del tribunale in piazza Labriola La sede del tribunale in piazza Labriola

Aula consiliare costruita "a casa" di un privato, condannato il comune di Vallemaio

Il Comune di Vallemaio è stato condannato a pagare più di 50mila euro, oltre alle spese processuali, come risarcimento danni ad un suo cittadino. Il motivo? Aver realizzato la sala consiliare praticamente a “casa sua”. Nel senso che, dopo aver occupato illegittimamente parte del terreno del residente (quantificati dal Ctu in 124 metri quadri), non ne aveva riconosciuto la proprietà né concesso il passaggio al proprietario. Tanto che, allo stato attuale, chi ha citato il Comune in giudizio ha un cancelletto che confina proprio con quella sala municipale, ma non può accedere a quello che, a tutti gli effetti, ora il tribunale di Cassino ha stabilito che gli sia stato incongruamente occupato.   A pronunciare la sentenza di condanna nei confronti del Comune è stato il giudice Francesco Eramo, che ha così condiviso le risultanze della parte civile, l’avvocato Anna Ciaraldi. Accertando, in sede processuale e ascoltando i diversi testimoni, che esisteva sì una scrittura privata sottoscritta nel 2009, ma le opere successivameente eseguite non avevano tenuto conto della mancata cessione volontaria da parte del proprietario. Che, di fatto, si era visto costruire opere pubbliche sul “suo” suolo. Per calcolare l’importo dovuto al proprietario, il giudice del tribunale di Cassino ha aggiunto ai 20mila euro di quella che sarebbe stata una normale procedura espropriativa, 31mila euro per i danni che le opere hanno arrecato alla proprietà. Una cifra che, cumulata alle spese legali ha mandato in tilt parte dell’amministrazione comunale. Tanto che, quando in paese si è sparsa la voce del pronunciamento a sfavore dell’ente municipale, si è gridato all’imminente dissesto a causa del risarcimento dovuto a seguito della condanna. Dalla vicenda processuale alla polemica politica è un attimo, con accuse da parte della minoranza. All’indirizzo anche della passata amministrazione. Un argomento controverso, che fa dibattere non poco, nei bar del paese e non solo.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604