L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Area di crisi Frosinone-Anagni, i senza lavoro di Vertenza Frusinate scrivono al Prefetto: ci aiuti lei a sopravvivere

"Considerato che Vertenza Frusinate al momento non può fare nessuna rivendicazione visti gli eventi tragici che stiamo attraversando (covid 19), possiamo solo agire virtualmente, oggi ho provveduto ad inviare la seguente nota a: Prefetto di Frosinone Dott. Ignazio Portelli al presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo al vice presidente della provincia di Frosinone Luigi Vagana al presidente del consiglio di Frosinone Daniele Maura all'assessore al lavoro del Lazio Claudio di Berardino alla segreteria lavoro del Lazio alla segreteria formazione del Lazio e per conoscenza ai segretari nazionali generali di cgil,cisl,uil e ugl ed ai segretari provinciali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl a tutti i politici del territorio di maggioranza e opposizione della camera del senato e della regione Lazio e consiglieri provinciali e a tutti i politici di nostra conoscenza e a tutti i sindaci di nostra provincia": così Luigi Carlini, esponente del comitato dei senza l'avoro dell'area di crisi complessa Frosinone-Anagni annuncia la sua lettera a istituzioni ed eletti.

"Ci rendiamo conto del difficile momento che si sta vivendo - scrive Carlini - ma siamo costretti a disturbarla nuovamente in quanto è dal 02/01/2020 che è scaduta la mobilità in deroga e pur essendo stato approvato il rifinanziamento, ad oggi non abbiamo notizie a riguardo. Siamo esausti e demoralizzati, sentiamo giustamente parlare di provvedimenti urgenti da parte del Governo verso le imprese e chi non può lavorare a causa dell'attuale situazione (Covid 19) ma sulla situazione del rifinanziamento della mobilità in deroga nella nostra zona Frosinone - Rieti, abbiamo notizie molto vaghe e spesso contrastanti anche in riferimento all'ultimo decreto. Mentre altre aree di crisi complessa stanno avanti come sempre nelle ripartizioni e nelle rassicurazioni verso i disoccupati perchè evidentemente qualcuno spinge, nella nostra area di crisi complessa, siamo sempre il fanalino di coda".

"Il 21/02/2020, le sigle sindacali hanno incontrato l'Assessore al lavoro del Lazio, non si è ben capito l'esito di tale incontro, ci viene detto ancora oggi che devono essere fatte le ripartizioni del denaro stanziato ma non sappiamo quando questo avverrà poichè nessuno risponde alle nostre ripetute richieste di aggiornamenti o ci viene risposto che dobbiamo aspettare. La situazione sta diventando drammatica, il denaro che ci è stato erogato a saldo della vecchia deroga, è bastato a malapena a coprire i debiti fatti nei 9 mesi durante i quali non avevamo percepito alcun reddito. Ogni anno ci viene promesso dalle istituzioni che la procedura successiva avrà tempi più rapidi ma alla fine questo non si è mai verificato e ancora oggi ci troviamo ad attendere mesi. Chiediamo cortesemente, nei limiti del possibile, un suo intervento per fare chiarezza sulla situazione e eventualmente sollecitare chi di dovere. Egregio Signor Prefetto Lei ha ricevuto la lettera dei sindacati che le sollecitano il massimo rigore nel verificare il rispetto del decreto 22 marzo sulla sicurezza nelle attività lavorative che noi condividiamo con il cuore e la mente. Le chiediamo con la stessa forza che Lei si accerti con lo stesso rigore dell'erogazione dei provvedimenti economici previsti nei decreti in vigore. Anche questa è sopravvivenza. Grazie", cocnludono Carlini ed il comitato di Vertenza Frusinate.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604