L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Veroli - Città Bianca Veroli - Città Bianca

Altre 13 persone positive a Città Bianca di Veroli. La solidarietà e il rispetto delle regole

Si consolida il cluster della Città Bianca a Veroli, con un incremento di ‘13 riferibili’ alla struttura di via Foiano, cioè 13 nuove persone risultate positive all’acido nucleico di Covid 19. Lo comunica la nota della Asl di Frosinone che illustra nel complesso i nuovi contagi registrati per la giornata di oggi, 26 marzo. Fra di essi ci sarebbero prioritariamente pazienti, più qualche unità all’interno degli operatori, tutti con sintomatologia lieve e nessuno verolano. Le nuove positività porterebbero (parleremo di cifre sicure solo dopo le comunicazioni eventuali del sindaco) a 29 il numero di persone censite a mezzo note ufficiali Asl e risultate positive al coronavirus all’interno della Rsa di eccellenza sul territorio ernico.

E’ un numero preoccupante ma tristemente in linea con lo scenario standard delle case di riposo e lungo degenza, dove la ‘promiscuità benefica’, cioè i protocolli e le strutture studiati apposta per far interagire gli ospiti possono rivelarsi, in situazioni ad eccezionale rischio epidemiologico, un vero boomerang. Nello specifico di Veroli a quelle positività vanno a sommarsi le 5 censite originariamente in due frazioni della cittadina, quelle della ‘primissima ondata’ e che giusto oggi hanno visto uno dei cittadini risultati positivi tornare a casa in quarantena e dare annuncio sui social dopo un ricovero ed una degenza con esito benevolo allo Spaziani di Frosinone.

E purtroppo quella pandemica scatenata da Covid 19 è la più classica, per quanto imprevedibile, delle situazioni da allarme rosso. E’ il boom in negativo delle case di riposo, paventato e messo all’indice proprio ieri da una secca nota dell’assessorato regionale alla Sanità, che sta facendo la differenza in queste ore per quanto riguarda l’escalation di contagi, e purtroppo Veroli, come d’altronde Fiuggi e Cassino, non fa eccezione; nessun nuovo contagio - a quanto è dato sapere dai canali ufficiali ed accreditati - sul territorio cittadino ma una impennata nel cluster di Ini Città Bianca.

Intanto si moltiplicano le iniziative concrete e massive, anche da parte di privati del comparto sanitario, per fronteggiare la minaccia Covid con strumenti che facciano il paio con le misure di contenimento sociale. Dopo le 200 mascherine donate a Città Bianca dall’amministrazione comunale, anche la farmacia Nuova ha provveduto a donare i preziosi presidi: 200 al Comune di Veroli, incaricato di provvedere alla distribuzione, 200 alla Città Bianca, 100 alla casa di riposo Scaccia a via Roma, 50 ai Carabinieri del Comando Stazione di Veroli e 50 al Comando della Polizia Municipale. Una breve nota social a corredo del gesto ha spiegato che «la dottoressa Papaleo e tutto lo staff della Farmacia Nuova hanno deciso di donare 600 mascherine alla comunità di Veroli. La nostra missione è quella di essere vicini alla gente, soprattutto in questo periodo difficile, affinché #faredelbene possa essere l'unica arma per vincere contro questo nemico invisibile». Chapeau. Come tanto di cappello va fatto alla popolazione verolana: dai verbali delle FFOO degli ultimi giorni che censiscono le azioni intraprese contro chi viola le disposizioni del governo per fronteggiare l’emergenza Covid, i cittadini ernici sono praticamente scomparsi.
Monia Lauroni

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604