L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Regione Lazio, protesta Ugl con i lavoratori della sanita' privata e delle Rsa: no a figli e figliastri

 “Non riteniamo accettabile che gli operatori della sanità privata e della Rsa continuinoa essere trattati come figli di un dio minore. Da quattordici anni i primi e da otto i secondi attendono il rinnovo del contratto. La nuova interruzione della trattativa con Aiop e Aris, dopo che nei mesi scorsi ci si era avvicinati alla firma dell’accordo, ci conduce verso una sola strada: lo sciopero generale”. Con queste parole Gianluca Giuliano Segretario Nazionale della UGL Sanità ha annunciato come il prossimo 18 giugno i lavoratori interessati incroceranno le braccia per l'intera giornata di lavoro.
“Nel periodo dell’emergenza per l’epidemia del Covid-19 i lavoratori della sanità privata e soprattutto delle Rsa hanno dato, e continuano a farlo, un enorme contributo di dedizione e professionalità. Lo hanno fatto spesso in condizioni difficili, eppure, senza esitazioni, hanno supportato i colleghi della sanità pubblica in una battaglia che si annuncia lunga e che richiederà ancora il loro generoso contributo. Non è più possibile che non vengano gratificati dall’accordo che attendono da anni. Non possono esistere motivazioni che giustifichino il perdurare della mancanza della firma in calce a un nuovo contratto”.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604