L'Inchiesta Quotidiano OnLine
La Torre Marica ad Isola del Liri

Isola del Liri / I lavori alla Torre Marica finiscono nell'aula del Senato

La vicenda dei lavori in corso d’opera alla Torre Marica di Isola del Liri, è finitra addirittura in Parlamento. I consiglieri comunali Diego Mancini e Maria Debora Bovenga, infatti, hanno interessato della vicenda la senatrice Paola Binetti che, immediatatamente, ha rivolto un’interrogazione parlamentare al monistro peri beni e le attività culturali e il tusimo Dario Franceschini. «La storia della città di Isola del Liri (Frosinone) è legata al corso del fiume omonimo, fin dai primi insediamenti volsci. A nordovest dell'attuale cittadina, sulla cima del colle San Sebastiano, su una base rocciosa a picco sul fiume si ergono i ruderi di una torre circolare (XI secolo), secondo alcuni studiosi dedicata proprio alla ninfa delle acque e delle paludi, chiamata “Marica”. Torre Marica è collocata nella categoria dei “beni puntuali diffusi, testimonianza dei caratteri identitari archeologici e storici e relativa fascia di rispetto di 100 metri”. Ai sensi dell’articolo 13 della legge regionale n. 24 del 1998, i beni puntuali rientrano nelle zone di interesse archeologico ed ogni modifica dello stato dei luoghi non solo è subordinata all'autorizzazione paesistica ma per le nuove costruzioni l'autorizzazione deve essere integrata dal preventivo parere della competente Soprintendenza archeologica. Occorre svolgere ogni attività finalizzata a mantenere l'identità di un bene di rilevanza culturale. Da un comunicato dell’associazione “Italia nostra” si è appreso di lavori in corso per il rifacimento di Torre Marica, nonostante la mancanza del “cartello di cantiere”. Nel permesso di costruire rilasciato dal comune di Isola del Liri alla ditta Leonardo Srl è espressamente dichiarato che la destinazione de bene è “residenziale”, mentre da una visura risulta che la proprietà è classificata espressamente come categoria F/2. I consiglieri comunali di Isola del Liri, Diego Mancini e Maria Debora Bovenga, hanno interrogato più volte il sindaco chiedendo spiegazioni sui lavori che si stanno eseguendo alla Torre Marica, ricebendo risposte evasive o incomplete. Pertanto si chiede di sapere se il Ministro sia a conoscenza dei motivi che hanno indotto la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici a rilasciare parere favorevole ad intervenire su Torre Marica, consentendo l’impiego di cemento armato e di tecniche invasive per il consolidamento dell’edificio, nonché la realizzazione di opere aggiuntive esterne. Se e quando la Soprintendenza abbia espresso “parere archeologico” e, in caso affermativo, per quali morivi non sia stato avviato alcun procedimento di verifica di interesse culturale di Torre Marica e dell’intera area, omettendo di svolgere un'’perazione conoscitiva indispensabile per esperire opportune azioni di tutela». 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604