L'Inchiesta Quotidiano OnLine
La Compagnia di Anagni La Compagnia di Anagni

Colpi di pistola ad Anagni, arrestati il barista e lo stalker della sua dipendente

Si è conclusa con due arresti la vicenda di cronaca che questa mattina aveva visto protagonisti, ad Anagni, un 33enne rumeno ed un 27enne albanese. I militari del N.O.R.M. del Comando Compagnia Carabinieri li avevano portati in caserma dopo quanto accaduto nella “Città dei Papi” . Il più giovane dei due deve rispondere di “tentato omicidio, detenzione illegale di arma comune da sparo e munizioni e ricettazione”, mentre il 33enne, che è residente a Sgurgola, è finito nei guai per “maltrattamenti in famiglia continuati, atti persecutori e danneggiamento”. 

 

Quest'ultimo, già denunciato per il reato di “Stalking” dall'ex fidanzata sua connazionale, si recava presso un bar del luogo, dove la ragazza lavora come barista,. Lì nell'esercizio commerciale gestito dal 27enne albanese ha ripetutamente minacciato la sua ex e nel tentativo di colpirla le lanciava contro il suo cellulare che però infrangeva un vetro del locale, danneggiandolo.

 

A quel punto il 27enne albanese e proprietario del bar, dopo aver estratto una pistola a “tamburo” - Smith & Wesson cal. 357 magnum, esplodeva due colpi in aria ma, comunque, all'indirizzo del rumeno che nel frattempo si stava allontanando. L’esplosione dei colpi per fortuna non provocava feriti ma, inevitabilmente, arrivavano numerose richieste telefoniche d’intervento al Comando Arma di Anagni da parte di alcuni passanti che avevano assistito alla scena.

 

I militari del N.O.R.M., dopo aver raccolto le prime informazioni, bloccavano il proprietario del bar, sequestrando contestualmente la pistola utilizzata e, poco dopo, rintracciavano l’ex fidanzato della barista che veniva accompagnato presso il Comando Arma di Anagni. Poco dopo, l'arresto dei due. La pistola utilizzata dal 27enne, è stata posta sotto sequestro insieme a 3 cartucce dello stesso calibro; l'arma è risultata detenuta illegalmente e rubata a dicembre 2012, come risulta dalla denunica presentata ai carabinieri di Zagarolo.

 

Nella successiva perquisizione eseguita presso l’abitazione del 27enne proprietario del bar, i militari hanno trovato altre  2 cartucce da caccia calibro 12, una pistola ad aria compressa priva tappo rosso ed un’ascia”. Tutto il materiale è stato sequestrato e i due arrestati sono stati trasferiti  presso la Casa Circondariale di Frosinone. 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604