L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Gruppo San Raffaele, la Cisl Fp Lazio: venga reintegrato il maggior numero possibile di lavoratori

Con l'audizione di ieri con le Commissioni Sanita' e Lavoro della Regione Lazio, la Cisl FP Lazio ha ribadito che "il protocollo di salvaguardia occupazionale per le strutture accreditate, firmato venerdi' scorso con l'Assessorato alla Sanita' e l'Assessorato al Lavoro, non deve essere l'unica soluzione della vertenza San Raffaele di Rocca di Papa, ma che lo stesso Gruppo vada sollecitato affinche' reintegri il maggior numero possibile dei lavoratori della struttura sanitaria a cui e' stato revocato l'accreditamento nelle loro strutture che operano nel territorio di Roma e Provincia, poiche' all'interno di esse ci sono tante situazioni di lavoro a partite Iva, tempi determinati e Cococo. Inoltre abbiamo dichiarato che la Sanita' Privata accreditata gia' provata da 14 anni senza un rinnovo contrattuale, dal 2008 in questa Regione Lazio ha visto licenziamenti, Cigs in deroga e contratti di solidarieta' e per questo va monitorata, poiche' eroga servizi di sanita' pubblica per conto del Ssr Lazio".

"Al dramma dei possibili licenziamenti nella sanita' privata, le istituzioni tutte ad incominciare dalle Asl in primis per competenza territoriale, devono darci risposte concrete riguardo le dotazioni organiche di codeste strutture accreditate, affinche' vengano rispettati i requisiti organizzativi per l'accreditamento e la relativa stabilizzazione di tutto il personale come da legge regionale approvata lo scorso anno. In questo periodo critico che stiamo vivendo e' arrivato il momento di mettere in campo tutte le misure per la salvaguardia occupazionale e di continuare a garantire le retribuzioni di questi lavoratori". Cosi' in un comunicato Antonio Cuozzo, Responsabile Sanita' Privata Cisl FP Lazio.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604