L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Pignalberi a Fiuggi motiva gli attivisti di Più Italia. «Fatti e non chiacchiere»

«Lealtà, trasparenza, non sogni irrealizzabili ma progetti cantierabili». Lo ha detto il presidente nazionale di Più Italia Fabrizio Pignalberi al suo gruppo dirigenziale, composto da uomini e donne di grande esperienza e ai giovani, «le nuove leve – ha aggiunto - che rappresentano il futuro della politica che deve partire dal basso, parlare alla gente con fatti concreti e non con le solite chiacchiere». Tutto questo è accaduto ieri sera, nello splendido scenario dell’Andaluso Ranch di Fiuggi.

Con Pignalberi, in quella che si è trasformata in una vera e propria serata tra amici, c’erano i massimi esponenti del movimento provinciale, regionale e nazionale. Ma soprattutto c’era tanta gente comune che ha voluto partecipare all’evento per ascoltare direttamente dalla voce del Presidente quelli che sono i veri valori di un gruppo, che passo dopo passo, si sta conquistando di diritto un posto all’interno della politica che conta, quella dei fatti.

«Fatti e non sogni irrealizzabili – ha proseguito nel suo discorso Pignalberi -. Noi siamo per le proposte concrete e a chi vende ‘chiacchiere’ io dico quella è la porta. Così è stato e così sarà. La vecchia politica delle promesse mai mantenute la rimandiamo al mittente. Rappresentiamo l’alternativa a quel modo di fare politica. Aperta al popolo, che parla alla gente e ascolta i loro problemi. Mi accusano di essere contrario al reddito di cittadinanza, non è vero,  deve però essere dato prima agli italiani». E poi ancora, è andato avanti con fare chiaro e deciso toccando temi importanti per il territorio. Dal turismo, al lavoro per finire con la Sanità.

«Siamo a Fiuggi, - ha aggiunto - meta un tempo di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Oggi la realtà è ben diversa. I turisti non ci sono, ma abbiamo gli immigrati. Colpa di chi? Di giochi politici che non fanno gli interessi dei residenti e della città. C’è bisogno di un progetto vero per rilanciare Fiuggi e noi siamo pronti a collaborare. E poi ancora il lavoro che non c’è per i giovani e per chi è costretto a doversi rimettere in gioco perché lo ha perso. Il Governo? Non continua a non fare nulla. E poi c’è la Sanità, depredata negli anni, da un governo di centrodestra che ha chiuso le strutture di Fiuggi e Anagni e poi dal centrosinistra che non ha  colpe, ma con Zingaretti di non ha fatto nulla per riaprire i due centri di vitale importanza per l’area Nord. Di fronte a questo scempio, Più Italia si è mossa e si è presentata, nelle scorse settimane, davanti al sindaco di Anagni, Natalia, con un progetto cantierabile per la riapertura del nosocomio anagnino che può dare speranza agli 80 mila utenti del nord della Ciociaria».

Infine, un passaggio sulle elezioni. Il presidente Pignalberi ha illustrato il lavoro svolto in questi mesi, fatto di incontri, confronti e accordi politici che hanno certamente prodotto una serie di candidature importanti alle Amministrative e alle Regionali nelle città d’Italia in cui si va al voto e anche a livello provinciale. «Più Italia darà il proprio contributo – ha concluso Pignalberi – schierando una squadra di candidati all’altezza del ruolo che dovranno ricoprire. Siamo convinti di poter fare la differenza e di poter rappresentare quella parte di elettori che non si riconosce più in questa politica fatta solo di chiacchiere e non di progetti concreti».

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604