L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Cassino, la Caritas dona dodici litri di latte scaduto da 15 giorni. «Poverì sì, ma serve rispetto» Cassino, la Caritas dona dodici litri di latte scaduto da 15 giorni. «Poverì sì, ma serve rispetto»

Cassino, la Caritas dona dodici litri di latte scaduto da 15 giorni. «Poverì sì, ma serve rispetto»

CASSINO - 

Una storia di ordinaria indigenza e straordinaria disattenzione quella raccontataci ieri da una sessantenne cassinate. Una donna che vive da tempo in condizioni di povertà al punto che periodicamente è costretta a chiedere alla Caritas il classico pacco alimentare, molto utile per riempire il frigorifero (quando si ha la fortuna di averlo) e tirare avanti qualche giorno consumando uno o più pasti tra le mura di casa. Ma ieri a differenza di altre occasioni i volontari del centro hanno consegnato alla sfortunata signora cassinate ben dodici litri di latte scaduto da due settimane tonde tonde e diversi pacchi di cereali da colazione di una nota marca la cui data di scadenza era stata appena superata (foto in alto). «Siamo poveri, questo è certo - ha spiegato la sessantenne visibilmente turbata - ma meritiamo comunque rispetto e considerazione. Per questo quanto accaduto ieri in una Caritas parrocchiale di Cassino mi ha lasciato, oltre che delusa, anche choccata per il rischio che avrei potuto correre ingerendo alimenti non più sicuri. Ma quel che più mi ha sorpreso - ha poi sottolineato la cassinate - è che tanti altri prodotti scaduti sono stati consegnati alle famiglie indigenti della città. Temo anche che alcuni di questi viveri siano stati donati anche a qualche mamma che ogni giorno ha bisogno di mettere qualcosa a tavola per i propri figli.  Non voglio puntare il dito contro nessuno - ha puntualizzato - ma certamente qualcuno dovrà spiegare alla cittadinanza cassinate come sia possibile consegnare pacchi alimentari, per altro in buona parte donati dalla Comunità Europea, a decine di giorni di distanza dalla scadenza. Passino i cereali scaduti da 24 ore, ma non il latte. Non sono un medico né un’esperta di alimentazione, ma tutto fa pensare che ingerire latte scaduto da oltre due settimane possa causare più di qualche danno. Spero almeno che questi prodotti non siano stati consumati da bambini o da persone con problemi di salute. In ogni caso voglio che questa segnalazione - ha concluso la sessantenne - più che alimentare polemiche spinga chi di dovere a vigilare meglio sugli alimenti distribuiti ai poveri e ad organizzare il sistema di stoccaggio e distribuzione delle derrate in maniera più sicura». 


DA L'INCHIESTA OGGI IN EDICOLA

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604