L'Inchiesta Quotidiano OnLine

Migranti ospitati nel Lazio, Lega sempre a testa bassa: adesso stop coi positivi Covid e pure fuggitivi

“Continuano a scappare dai centri d’accoglienza ed a non rispettare la quarantena. Sto parlando degli immigrati trasferiti da Lampedusa nella nostra regione. Per stessa ammissione, qualche giorno fa, dell’ Assessore alla Sanità nel Lazio, D’Amato, dei 334 migranti arrivati nella nostra regione, già 9 sembrerebbero irreperibili, e 15 risulterebbero  positivi al tampone per il coronavirus. Se queste persone non rispettano il periodo di isolamento mettono a rischio la salute dei cittadini": lo denuncia il consigliere regionale della Lega, Pasquale Ciaccirelli.

"Se dovessero scoppiare nuovi focolai sarebbe un disastro, per il sistema sanitario regionale ed economico. I cittadini, i nostri imprenditori non possono vedere vanificati gli sforzi di questi mesi per la negligenza di queste persone e l’incapacità di Zingaretti di gestire la situazione. La Lega non ci sta, devono rintracciare immediatamente gli immigrati scappati. Non possono spalancare le porte ai migranti e farli circolare liberamente, è una questione di sicurezza, sanitaria e sociale. Se il PD in questa regione non è in grado di garantirla vada a casa! Zingaretti è bravo solo a lanciare spot pubblicitari pro mascherina, solo per gli italiani, poi, nei fatti,  ai migranti, nella regione di cui è presidente, permette di tutto e di più. Una situazione al limite dell’assurdo e del paradosso.”  Conclude Ciacciarelli.

Secondo  il capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Lazio, Orlando Angelo Tripodi, "il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, continua a mettere la testa sotto terra sulla folle accoglienza degli immigrati nel Lazio. Oggi dei 55 giunti nei giorni scorsi a Latina da Lampedusa, di cui 12 positivi al Coronavirus, ben 18 sono fuggiti dalla struttura di Cori e la Polizia di Stato è sulle loro tracce, alcuni di essi sono stati rintracciati vicino alla stazione ferroviaria di Cisterna di Latina. Probabilmente gli altri sarebbero già a Roma. Così si intende contrastare l'aumento dei contagi Covid-19 ed evitare tensioni sociali? Il Pd ci ha accusato di essere degli sciacalli, invece l'assessore regionale Alessio D'Amato ha lanciato l'allarme. Zingaretti che dice?''. 

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604