L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Invitalia  Invitalia

I bandi Invitalia per lo sviluppo di giovani imprese e del Centro-Sud Italia

Invitalia, l'Agenzia nazionale per lo sviluppo, facente capo al Ministero dell'Economiarilancia alcuni bandi a sostegno delle imprese, anche grazie al Decreto Rilancio del 19 maggio 2020: importanti iniziative rivolte ad imprenditorialità femminile, startup e un rinnovato sviluppo delle attività imprenditoriali nel Meridione.

Si tratta di segnali importanti per la ripresa economica di molte aree del Paese, che hanno sofferto e ancora soffrono a causa della pandemia.

I bandi resteranno aperti fino ad esaurimento delle risorse e hanno come obiettivo anche attirare imprese dall’estero e far rientrare in Italia i famosi “cervelli in fuga”.

Progemec è a disposizione di chiunque abbia interesse a partecipare e voglia saperne di più.

Di seguito un breve riepilogo con il link al singolo articolo del nostro blog, nel quale sono presenti informazioni più dettagliate.

 

Invitalia - “Nuove Imprese a Tasso Zero” per lo sviluppo di Micro e Piccole Imprese e imprenditorialità femminile

Con “Nuove Imprese a Tasso Zero”, Invitalia mette a disposizione 150 milioni di euro per sostenere lo spirito imprenditoriale dei giovani tra i 18 e i 35, e in particolare delle donne di tutte le età. I settori interessati, per i quali sarà possibile richiedere il finanziamento per l’avvio di un’attività che riguarda sia servizi che produzione di beni, sono molteplici:

a) Produzione di beni (Industria / Artigianato)

b) Trasformazione dei prodotti agricoli

c) Servizi alle imprese

d) Servizi alle persone

e) Commercio di beni e servizi

f) Turismo e Filiera turistico-culturale

Chi può partecipare? Giovani che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 35 annie le donne per le seguenti categorie:

- società costituite da non più di 60 mesi;

- società in fase di costituzione formate da sole persone fisiche.

Contributo

Finanziamento agevolato a tasso zero della durata massima di dieci anni:

- Imprese costituite da non oltre 36 mesi: fino a 1,5 milioni di euro a copertura del 75% delle spese ammissibili;

- Imprese costituite da più di 36 mesi e non oltre 60 mesi: fino a 3 milioni di euro a copertura del 90% delle spese ammissibili.

Il termine per completare il programma di spesa è di 24 mesi dalla data del provvedimento di concessione.

Scadenza: fino ad esaurimento risorse.

 

Invitalia - “SMART&START ITALIA” per le start-up innovative

“Smart&Start Italia” è il bando da 100 milioni di euro che si propone di promuovere una nuova cultura imprenditoriale attraverso startup innovative ad alto contenuto tecnologico. Tecnologia e digitalizzazione dei processi fanno oramai parte della vita quotidiana e riuscire a sfruttarle al meglio è quello che ci permetterà di non soccombere all’innovazione perché non la si conosce. È necessario quindi ce ci siano nuove imprese che possano fare dell’economia digitale e della ricerca scientifica e tecnologica un nuovo elemento trainante dell’economia italiana, attirando i «cervelli» in fuga all’estero.

Chi può partecipare?

- startup innovative di piccola dimensione, costituite da non più di 60 mesi iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese;

- team di persone fisiche che vogliono costituire una startup innovativa in Italia, anche se residenti all'estero, o cittadini stranieri in possesso dello "startup Visa"

- imprese straniere che si impegnano a istituire almeno una sede sul territorio italiano.

Contributo

Finanziamento senza richiesta di garanzie a tasso zero per investimenti compresi tra 100.000 e 1,5 milioni di euro.

Scadenza: fino ad esaurimento risorse.

 

Invitalia - “Resto al Sud” per lo sviluppo di attività imprenditoriali

Un bando da 1 miliardo e 250 milioni di euro per le aree del Paese che vedono una massiccia emigrazione e nelle quali si vuole invece promuovere la ripresa economica e lo sviluppo di attività imprenditoriali soprattutto da parte dei giovani.

Il bando si focalizza sulle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria).

Chi può partecipare?

Attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno (Lazio, Marche, Umbria, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia), soprattutto quelle colpite dal sisma, oltre a Sicilia e Sardegna e con attenzione ai giovani che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 45 anni.

Contributo

- 50% di contributo a fondo perduto

- 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI.

Ulteriori agevolazioni sono disponibili per le imprese in base a determinati criteri.

Scadenza: fino ad esaurimento risorse.

Sul sito PROGEMEC sono presenti informazioni dettagliate per ciascun bando e i nostri uffici sono a disposizione per qualunque dubbio o domanda.

 

Alessia Mentella

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604