L'Inchiesta Quotidiano OnLine
La psicologa Ilaria Quattrociocche La psicologa Ilaria Quattrociocche

Miti femminili. La donna Atena, dea della saggezza e dei mestieri

La settimana scorsa ho tentato di dare una chiave di lettura diversa dal solito in merito all’’universo femminile,  da sempre definito come un “qualcosa di complicato”. Abbiamo affrontato lo studio della storia delle dee del mondo mitologico con riferimento alla psicologia archetipica (Hillman, 1970), che volutamente si collega con le arti, la cultura e la storia della società e che tenta di risolvere i problemi psicologici andando oltre i modelli scientifici, perché ciò che è “archetipico” appartiene a tutta la cultura, a tutte le forme dell'attività umana. Infatti, è bene ricordare che, secondo la definizione tradizionale, gli archetipi sono le forme primarie che governano la psiche. E questi modelli archetipici delle divinità dell’antica mitologia greca sono tuttora validi per comprendere noi stessi e guidare il nostro comportamento, come molti di voi lettori avete avuto modo di cogliere nella lettura della dea Artemide.

E’ interessante notare come, quando la donna impara ad entrare in contatto con i modelli archetipici che la influenzano dall’interno, allora saprà sfuggire alle implacabili dicotomie (maschile/femminile, madre/amante, donna di successo/casalinga, eccetera) che da sempre la tengono prigioniera. La dea Artemide, nota ai romani come Diana, dea della caccia e della luna, abbiamo visto che è la personificazione dello spirito femminile indipendente. L’archetipo che rappresenta consente alla donna di cercare le proprie mete in un ambito di sua scelta.

Oggi vi propongo la lettura di Atena, la dea della saggezza e dei mestieri, nota ai romani come Minerva. Come Artemide è una dea vergine, votata alla castità ed al celibato. Imponente e splendida guerriera, protettrice di eroi da lei stessa prescelti. Presiede alla strategia della battaglia in tempo di guerra ed alle arti domestiche in tempo di pace.Come dea della saggezza, Atena è nota per le strategie vincenti e per le soluzioni pratiche. Come archetipo rappresenta il modello seguito dalle donne razionali, quelle governate dalla testa più che dal cuore. Atena è in archetipo femminile che dimostra come saper pensare, mantenere il sangue freddo nell’incandescenza delle situazioni emotive e mettere a punto strategie adeguate nel momento del conflitto. Quindi le donne che hanno queste caratteristiche non hanno tratti maschili, bensì si comportano come Atena.

Queste donne sanno pensare infatti con chiarezza da sole e quando una donna riconosce l’acutezza della propria mente come una qualità femminile riferita ad Atena riesce a sviluppare un’immagine positiva di sé, senza temere di essere mascolina( che per molti vuol dire “sbagliata”). Quando è Atena a dominare la psiche di una donna questa seguirà la spinta delle proprie priorità, polarizzandosi su cosa più le interessa, ma a differenza di Artemide Atena cerca la compagnia degli uomini. Le piace infatti coinvolgersi nell’azione e nel potere degli uomini, con i quali lavora in stretto contatto, protetta dall’elemento dea- vergine che l’aiuta ad evitare legami emotivi o sessuali con loro. Può essere infatti loro collega, compagna, confidente senza sviluppare sentimenti e coinvolgimenti erotici.

La donna Atena è pratica, priva di complicazioni, disinvolta e fiduciosa: fa le cose senza tante storie. Non ha conflitti mentali, tirata a lucido, inappuntabile e dall’aspetto di collegiale coltiva una sessualità senza tempo. La bambina Atena ha grandi capacità di concentrazione, è la figlia prediletta di un padre di successo (fiero del fatto che “ lei assomiglia tutta a lui”); la ragazza Atena invece è quella che apre il cofano della macchina per vedere cosa c’è dentro, quella che impara ad aggiustare le cose; la donna Atena pianifica tutto in anticipo, vuole diventare qualcuno e per riuscirci lavora sodo, accetta la realtà così com’è e vi si adegua.  E’ bene ricordare che questi potenti modelli interni sono responsabili delle principali differenze che distinguono le donne fra loro e che ogni donna, nell’arco della sua vita, potrà identificarsi con la dea o con le dee che governano la sua personalità; potrà inoltre decidere quale coltivare e quale tenere a freno per realizzare pienamente la propria individualità.

Le dee greche dell’olimpo possono dunque anche in questo caso offrire spunti di riflessione sulla natura di noi donne, stimolando un viaggio dentro di noi che ci consenta di vivere e comprenderci  meglio. Possono inoltre fornire intuizioni pratiche anche all’universo maschile, a coloro che vogliano dare interpretazione diversa ai comportamenti femminili, varcando nuovi orizzonti di conoscenza e consapevolezza.

Sarò lieta di accogliere ancora richieste su argomenti di vostro particolare interesse. Inoltre è possibile prenotare la vostra consulenza, in presenza oppure on-line al numero 347.4068962 e indirizzo di posta elettronica ilaria.quattrociocche@gmail.com

                                                                                                                                                                                                                                                         Ilaria Quattrociocche

*La dott.ssa Ilaria Quattrociocche è una Psicologa Clinica, laureata presso l’Università degli Studi dell’Aquila, abilitata all'esercizio della professione (Albo A), specializzata in Trattamento Funzionale Antistress e tecniche di comunicazione efficace. Laureanda in Scienze Pedagogiche presso l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Si occupa delle maggiori problematiche psicologiche: depressione, disturbi ossessivi compulsivi, disturbi d’ansia, disturbi correlati ad eventi traumatici e stressanti, disturbi da sintomi somatici, disturbi di personalità, disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, disturbi del sonno - veglia, disturbi di abuso di sostanze e disturbi della sfera sessuale. Attualmente svolge la libera professione presso il suo studio sito in Sant'Apollinare (FR). Il suo obiettivo è quello di applicare con le persone in difficoltà  procedure di comunicazione efficace e protocolli empatici per affrontare insieme eventuali disagi nel rispetto delle caratteristiche uniche ed irripetibili che ciascuno possiede. L’impegno è risolvere problematiche e potenziare le abilità in modo creativo e flessibile, ponendo attenzione ai tempi ed alle modalità personali, trovando gli strumenti utili per vivere una vita più felice ed appagante.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604