L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Fernando Troya Fernando Troya

Imprenditori: oggi gli “Effetti preziosi’ sono per Fernando Troya, al traguardo delle 70 primavere

Distanti è la parola d’ordine. Oggi più che mai per via della pandemia. Anche se in casa è un giorno di festa. Una data importante per Fernando Troya, il noto e stimato commerciante di Cassino, titolare della gioielleria “Effetti Preziosi”, che spegne 70 candeline. Nessuna grande festa, nessun abbraccio, ma a Fernando non mancherà l’affetto di parenti e amici. E con una videochiamata potrà condividere il taglio della torta con figli e nipoti. Beata tecnologia! Distanti sì, ma vicini. Fernando a 18 anni era già un bravo orologiaio, il mestiere glielo aveva insegnato il papà Antonio. Nonostante la giovane età, aveva tanta voglia di perfezionarsi, ma aveva anche bisogno di un lavoro stabile perché era convolato a nozze con Floriana ed aveva avuto una figlia, Serena. Fu così che iniziò a lavorare nella storica gioielleria “Margiotta” di Cassino accanto a Guglielmo, un orologiaio di grande esperienza. Erano gli anni ’70. Fernando si formò così bene che nel giro di un decennio aprì un laboratorio e successivamente la gioielleria, meglio conosciuta come gioielleria Troya che da oltre 40 anni si trova in via Enrico De Nicola nella città Martire. Nel frattempo nacquero anche Antonio e Leo, ai quali papà Fernando ha saputo tramandare la stessa passione di orologiaio che tanti anni prima gli aveva trasmesso il padre. Una vera “tradizione” familiare, di generazione in generazione. Nella gioielleria di Cassino oggi lavorano Antonio, che ha studiato con i maestri orafi di Arezzo, e Serena che con la sua laurea in Economia e Commercio cura anche la parte contabile dell’azienda. E Fernando è sempre lì nel negozio. Il lavoro per lui è ossigeno. Leo, invece, dopo aver perfezionato il mestiere presso un orologiaio in Svizzera, ha aperto un negozio con annesso laboratorio a Roma. Al di là delle abilità artigianali, Fernando è amato per la sua cordialità, la simpatia, l’umorismo e l’autoironia. Casa sua, in tempi “no Covid”, è sempre aperta agli amici. Chiunque bussi alla porta troverà ospitalità e se in casa, nel suo amato paese San Vittore del Lazio, ci sono anche i figli e i nipoti, allora è il momento giusto per prendere la chitarra e intonare una delle tante canzoni di repertorio. Tanto da rallegrare tutto il vicinato. Conosciute a tutti, infatti, le sue abilità musicali che, anche in questo caso, ha trasmesso ai figli Antonio e Leo. A Fernando giungano gli auguri della moglie Floriana, dei figli, dei nipoti, di parenti e amici. Anche gli auguri della redazione de L’inchiesta Quotidiano.

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604