L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Fca Piedimonte La linea di montaggio dell'Alfa Romeo Stelvio

Mercato auto di febbraio, in Italia i marchi Fca cedono il 20 per cento e quelli Psa il 2,2

Gli incentivi non non sono serviti ad arginare l'arretramento pesante del mercato auto a febbraio 2021. Il Covid-19 ha messo in ginocchio il comparto che nonostante i bonus statali a febbraio ha registrato un nuovo calo nelle vendite: -12,3%. Bisogna ricordare che a febbraio dello scorso anno è stato l’ultimo mese “normale” cioè non ancora interessato dagli effetti della pandemia, anche se i primi provvedimenti anti-covid furono adottati il 23 febbraio. Va anche detto che la stagione pandemica ha di molto ridotto il ricorso ai chilometri zero (auto immatricolate per essere destinate al mercato dell’usato con chilometri zero).

Nel mese di febbraio 2021 in Italia sono state vendute 142.998 autovetture, con una riduzione del 12,3% rispetto alle 163.124 del febbraio 2020 (mese ancora non coinvolto dal pieno della crisi pandemica). Il 1° bimestre del 2021 è andato in archivio con un calo del 13,1% a 277.145 unità.

In questo panorama Stellantis arretra del 13% di immatricolazioni, a fronte però di due velocità diverse dei due gruppi confluiti in Stellantis visto che i marchi prima in Fca calano di quasi il 20% mentre contro un -2,2 dei francesi. Il neonato gruppo comunque ha in classifica i primi due modelli per volumi di vendita in Italia e tra i primi dieci in classifica, 8 fanno capo alle famiglie Fca e Psa.

''Nel 2020 il settore auto - evidenzia Michele Crisci, presidente Unrae - registra una perdita di fatturato pari a 10 miliardi di euro, che per le casse dello Stato si traduce in mancate entrate in termini di Iva di 1,8 miliardi. Una cifra rilevante alla quale, nell’ipotesi pessimistica di una ulteriore depressione del mercato, si rischia di aggiungere anche la chiusura di aziende e la perdita di migliaia di posti di lavoro, con relativi danni economici e sociali. Auspichiamo che il Governo faccia propria l’analisi sui dati sconfortanti del settore e decida di rinnovare quanto prima il sistema degli incentivi, il cui utilizzo sta dimostrando peraltro un grosso beneficio ambientale''.

 

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604