L'Inchiesta Quotidiano OnLine
Silvio Zincone, assessore alla cultura

Casalvieri / «Sul Tracciolino il silenzio assordante della politica»

Anche su queste colonne abbiamo parlato spesso del “Tracciolino”, quella splendida strada realizzata alla fine dell’Ottocendo che, incuneandosi sinuosa fra le aspre vette del fiume Melfa, mette in collegamento diretto Casalvieri a Roccasecca, ossia la Valle di Comino con la media Valle del Liri. Una strada che, però, ormai da tempo, è chiusa al traffico a causa del pericolo derivante dalla caduta dei massi che staccandosi dalla sovrastante parete rocciosa, vanno a finire sulla carreggiata. Più volte, anche di recente, si sono tenute riunioni ed incontri fra i vari enti preposti per cercare di risolvere l’antico (già nel 1888, nella relazione finale, il direttore dei lavori evidenziava il rischio della caduta massi) e persistente problema ma, ad onta delle tante chiacchiere e delle buone intenzioni, il problema non si è spostato di un solo centimetro. E quella strada contrinua inesorabilmente a rimanere chiusa. Nei primi giorni di quest’anno, l’assessore alla cultura del comune di Casalvieri, Silvio Zincone, da sempre impegnato a 360 gradi per cercare di trovare una soluzione all’atavica situazione, ha pensato di creare un gruppo di opinione Facebook che ha chiamato significamente “Riaprire il Tracciolino”. Gruppo che in pochi giorni ha fatto registrare migliaia di adesioni, a dimostrazione di quanto sia sentito il problema. Ed è lo stesso assessore Zincone, che in quel gruppo, oggi pubblica un post dal quale traspare tutta la sua amarezza e la sua delusione per il palese e reiterato disinteresse degli enti che pure sarebbero istituzionalmente preposti alla risoluzione del problema. «Il Consiglio Provinciale di Frosinone, si appresta a rinnovare i suoi dodici consiglieri - così si legge nel post -. Il Presidente della Provincia è eletto dai sindaci e dai consiglieri dei comuni della provincia e dura in carica quattro anni. Il Consiglio provinciale dura in carica due anni ed è eletto dai sindaci e dai consiglieri comunali dei comuni della provincia. Sono eleggibili a consigliere provinciale i sindaci e i consiglieri comunali in carica. Pur nelle sue attuali ridotte competenze amministrative e nel meccanismo di elezione indiretta dei rappresentanti, esso continua a rappresentare un importante organo amministrativo intermedio al quale compete, o dovrebbe competere, la cura e la praticabilità di strade e territorio.  Da quando è stato aperto questo gruppo, che registra attualmente 1810 partecipanti, nessuno degli amministratori provinciali attuali ha preso posizione sull’argomento. Noi del gruppo “Riaprire il Tracciolino”  tuttavia, continuiamo ad attendere, non tanto dichiarazioni o prese di posizione, comunque gradite, ma un qualsiasi atto amministrativo che dimostri la concreta volontà di sbloccare l’ultra-ventennale situazione di isolamento tra la Valle di Comino e la Valle del Liri. Silenzio e inerzia continuano a essere l’unica risposta alle nostre civili richieste e probabilmente dimostrano, ancora una volta, quanto la “politica” si sia arresa alla dittatura tecnico-burocratica ormai imperante in Italia» così ha concluso l’assessore Silvio Zincone nel cui intervento si può cogliere un velo di malinconia ma anche di delusione per l’inerzia e l’immobilismo della “politica”. Che in tutta questa storia, tipicamente italiana, è l’unica e ingiustificabile assente.

Redazione L'Inchiesta Quotidiano

guarda anche

I commenti dei lettori

Chi siamo

EDITORE: Cooperativa Editoriale L'Inchiesta

Presidente: Ornella Massaro

Direttore Responsabile: Stefano Di Scanno

Email: redazione@linchiestaquotidiano.it

Dove siamo

Indirizzo: Via Lombardia 8 - Cassino

Telefono: (+39) 0776 328066

Fax: (+39) 0776 328066

P.IVA: 02662130604